Cives Ceccano: “Uovo di Pasqua con sorpresa, Caligiore azzera la giunta”

CIVES CECCANO

Per la  Pasqua 2022, il sindaco Caligiore ha regalato alla cittadinanza e alla sua “granitica” maggioranza, come sempre si sono definiti, un bell’uovo di Pasqua con sorpresa: scioglimento della giunta. Ed ha certificato l’inconcludenza della sua amministrazione dichiarando di aver “firmato i decreti per l’azzeramento della giunta perché c’è bisogno di un nuovo slancio all’azione amministrativa”.

Del resto l’agire amministrativo è sotto gli occhi di tutti. Strade centrali e periferiche ridotte a colabrodo, lavori della caserma dei carabinieri annunciati e mai realizzati, impianti sportivi fatiscenti, giardini pubblici chiusi durante le festività, mistero irrisolto dell’incendio a Castel Sindici. Programmi futuri? Strisce blu e riduzione dei servizi, con la speranza che qualche finanziamento arrivi grazie al PNRR. L’unica certezza per i ceccanesi è un buco di bilancio per circa 9 milioni di euro.

Guardando la maggioranza Caligiore viene in mente il refrain di una canzone:

“Siamo l’esercito del selfie, di chi si abbronza con l’iPhone, ma non abbiamo più contatti, soltanto like a un altro post”.

E oggi siamo qui a chiederci cosa accadrà, quale assessore salterà, quali deleghe verranno spostate. Sarebbe bello che questa decisione, improvvisa, del sindaco, sia il frutto di una nuova consapevolezza. Del resto in consiglio comunale abbiamo chiesto un salto di qualità. Ma la percezione è un’altra, è quella di essere di nuovo vittime di giochetti strategici per contendersi un “posto al sole”. Si intravede una guerra di posizione per candidature alle regionali. Così le esigenze di Ceccano non contano più. Una città con un potenziale altissimo non sfruttato, che è indietro da tutti i punti di vista, rispetto ad altre realtà della provincia. Ci sarebbe bisogno di idee e progetti, di una nuova visione culturale ed urbanistica.

“Ho sempre pensato che avere l’onore di amministrare la propria città, sia l’esperienza più bella e formativa per un politico. – ha dichiarato la nostra consigliera Emanuela Piroli – Ma la città va amata e curata, il bene della comunità deve essere la prima preoccupazione di un sindaco e di una amministrazione comunale. Quando il ruolo per cui si è stati eletti viene utilizzato come un trampolino di lancio verso altri traguardi, esclusivamente personali, si viene meno ai propri doveri e ci si allontana dalla missione originaria. Caligiore dimostra, ogni giorno che passa, di avere altri interessi, così Ceccano la troviamo in fondo alla sua lista di priorità”.

Cives Ceccano

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *