Ucraina, «per la Cia la Russia attaccherà mercoledì». Farnesina: «Italiani siate rintracciabili»

carri armati

La Cia ritiene che l’attacco russo all’Ucraina potrebbe essere sferrato la settimana prossima. È quello che scrive der Spiegel, secondo cui gli americani avrebbero avvertito gli alleati di ritenere che l’aggressione militare potrebbe avvenire mercoledì 16 febbraio.

Secondo le informazioni del magazine tedesco, i servizi americani e i militari Usa avrebbero informato il governo tedesco e altri Stati della Nato nel corso della giornata di oggi. Secondo diversi diplomatici e militari, i servizi avrebbero fornito diversi dettagli. «Sarebbero state descritte le rotte concrete dell’invasione russa, le singole unità russe e i compiti che dovrebbero assumere. Come data per una possibile inizio dell’invasione viene indicato il 16 febbraio», si legge su Spiegel. A Berlino si ritiene tuttavia di non poter valutare se si vada effettivamente verso un attacco imminente: un’aggressione militare a metà febbraio era data per plausibile già da tempo, continua il magazine. «Insider ritengono anche possibile che gli Usa abbiano diramato le informazioni per silurare i piani di attacco della Russia», conclude.

Secondo gli Stati Uniti, la Russia sta cercando un pretesto per invadere l’Ucraina. L’attacco sarebbe preceduto da bombardamenti aerei, e potrebbe avvenire, come ricorda la Cnn, la prossima settimana in pieno corso delle Olimpiadi invernali. La Casa Bianca intanto ha chiesto che tutti i 6.600 statunitensi residenti in Ucraina abbandonino il Paese entro le prossime 48 ore. Il dipartimento di Stato di Washington specifica che l’attacco russo «potrebbe partire in qualsiasi momento, senza alcun preavviso».

Intanto Joe Biden e Vladimir Putin avranno un colloquio telefonico sabato: lo ha confermato la Casa Bianca precisando che la Russia aveva proposto lunedì per la telefonata, ma la Casa Bianca aveva ribattuto con sabato e alla fine Mosca ha accettato.

ll segretario di Stato Usa Antony Blinken ha detto che ci sono segnali di un’escalation in Ucraina da parte di Mosca. «Continuiamo a vedere segnali molto preoccupanti di un’escalation della Russia, come l’arrivo di nuove truppe al confine con l’Ucraina», ha detto parlando in conferenza stampa dalle Fiji.

La Russia ha iniziato a ridurre il suo personale diplomatico a Kiev. Lo ha annunciato il ministero degli Esteri di Mosca. «Temendo possibili provocazioni da parte del regime di Kiev o di paesi terzi, abbiamo deciso di ottimizzare il personale diplomatico russo presente in Ucraina», si legge in un comunicato.

 La Farnesina invece ha chiesto agli italiani di rendersi rintracciabili ma per il momento non di lasciare l’Ucraina. Secondo gli Stati Uniti, la Russia sta cercando un pretesto per invadere l’Ucraina. L’attacco sarebbe preceduto da bombardamenti aerei, e potrebbe avvenire, come ricorda la Cnn, la prossima settimana in pieno corso delle Olimpiadi invernali. La Casa Bianca intanto ha chiesto che tutti i 6.600 statunitensi residenti in Ucraina abbandonino il Paese entro le prossime 48 ore. Il dipartimento di Stato di Washington specifica che l’attacco russo «potrebbe partire in qualsiasi momento, senza alcun preavviso».

Mosca: «Gli Usa hanno bisogno di una guerra». «L’isteria della Casa Bianca dice tutto. Gli anglo-americani vogliono una guerra». Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, commentando le dichiarazioni del consigliere per la sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan che ha parlato della possibilità di un attacco imminente della Russia all’Ucraina.

fonte Leggo foto archivio

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *