Nuovo DPCM, Confagricoltura Frosinone preoccupata per ho.re.ca e agriturismi

confagricoltura bandiera
‘Con questo DPCM sarà un disastro per l’economia, e soprattutto per il canale Ho.Re.Ca (hotel, ristoranti, caffè), provocherà un nuovo collasso dei nostri prezzi, un riposizionamento dei canali di vendita, difficoltà a vedersi ritirato il prodotto. La chiusura dei locali alle 18 sarà un collasso anche per il mondo del vino. Oltre a non vendere più nulla nell’Ho.Re.Ca, non si incasserà quanto venduto nei tre buoni mesi estivi. Un ristoratore che non lavora non paga più nessuno. In primis i produttori di vino. Per quanto riguarda gli agriturismi l’essere stati il motore della tranquillità, del rispetto delle regole non è servito a nulla.
Investimenti, mutui, tasse, mantenimento del personale, sicurezza alimentare. Non è servito a nulla. Ora con questo DPCM si rischia una chiusura di tante troppe attività. I ristori adeguati e tempestivi annunciati dal governo devono essere estesi alla filiera agroalimentare. Qualsiasi esclusione sarebbe incomprensibile ed ingiustificata”.
Questo il commento del Presidente di Confagricoltura Frosinone Vincenzo del Greco Spezza dopo il nuovo DPCM.
COMUNICATO STAMPA – foto generica web

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *