Il long covid nei giovani è estremamente frequente

sintomi long covid giovani

Gli strascichi a lungo termine della CoViD-19 sono molto frequenti nelle persone che hanno contratto l’infezione in forma lieve o moderata e si sono curate a casa. Secondo uno studio pubblicato su Nature Medicine e condotto a Bergen, in Norvegia, più della metà dei giovani adulti fino ai 30 anni di età reduci dalla malattia mostra sintomi di long covid a sei mesi dalla fase acuta. Perdita di olfatto e gusto, affaticamento, respiro affannoso, difficoltà di concentrazione e di memoria sono i disturbi più comuni.

DISTURBI COGNITIVI NEI GIOVANI. Gli scienziati del Bergen COVID-19 Research hanno seguito per sei mesi 312 pazienti che avevano contratto la covid durante la prima ondata pandemica. Di questi, 247 si erano curati a casa da forme lievi o moderate e altri 65 erano stati ricoverati. Dopo sei mesi, il 61% degli ex malati mostrava sintomi persistenti dell’infezione riconducibili a long covid. Ma l’aspetto forse più preoccupante è che nel gruppo di pazienti tra i 16 e i 30 anni, il 52%, più della metà, riferiva ancora disturbi dopo sei mesi dalla fase acuta. I più frequenti erano perdita di gusto e/o olfatto (nel 28% degli intervistati), affaticamento (21%), fame d’aria (13%), scarsa capacità di concentrazione (13%) e cattiva memoria (11%).

Questi ultimi due sintomi cognitivi preoccupano, in una popolazione così giovane e nel pieno della sua formazione scolastica e accademica, e confermano la necessità di vaccinare anche i giovani adulti: non è solo la covid in forma grave, la minaccia da combattere, ma anche l’eventualità di contrarre una malattia debilitante per lungo tempo.

C’ENTRANO GLI ANTICORPI? Sotto i 16 anni i sintomi a lungo termine sono invece risultati molto rari, nel campione studiato. Gli scienziati hanno trovato una forte correlazione tra alti livelli di anticorpi sviluppati contro il SARS-CoV-2 e i sintomi a lungo termine nei pazienti con forme lievi di covid; altri fattori di rischio di long covid sono l’asma e altre malattie polmonari croniche.

«L’associazione tra il numero di sintomi e la risposta anticorpale rinforza l’idea che dietro a tutto ciò vi sia un meccanismo immunitario», chiarisce David Strain, docente dell’Università di Exeter e parte della task force per il long covid del Servizio sanitario nazionale britannico. «Questo sarebbe compatibile con il fatto che i vaccini stanno facendo sentire meglio una significativa porzione di persone con long covid, e dà a tutti, inclusi i meno fortunati, la speranza che trattamenti con farmaci immuno-modulanti, che agiscono sul sistema immunitario, possano essere presto all’orizzonte, per aiutare chi è ancora debilitato dopo mesi o un anno».

PIÙ DEL PREVISTO. Una recente ricerca di Imperial College London stima che 2 milioni di persone soffrano di long covid nel Regno Unito, uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia e che più di altri ne sta studiando i postumi. Quasi il 6% della popolazione adulta dell’Inghilterra ha avuto o ha tuttora il long covid, cioè ha accusato almeno un sintomo duraturo dopo l’infezione da SARS-CoV-2. Uscendo dall’emergenza, il danno inferto dalla covid si delineerà con maggiore chiarezza.

Fonte Focus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *