Il Comune di Sora incontra le società pallavolistiche della città

Giannetti, Cioffi

Far ripartire lo sport in sicurezza non sarà semplice, c’è tanto da organizzare minuziosamente prima di accendere i motori, ma sicuramente più attuabile attraverso la collaborazione.Questo è l’importantissimo fulcro attorno al quale lo scorso martedì è ruotata la riunione tenutasi presso la Sala Consiliare del Comune di Sora, alla presenza dell’Assessore alla Politica della Promozione dello Sport Daniele Tersigni e del Consigliere Alessandro Mosticone, e delle società sportive del volley sorano, l’Argos Volley, l’Olimpia Volley e la Vis Sora Volley.Tra i numerosi impegni che il Comune di Sora sta prendendo in questo non facile momento di emergenza legata al Covid 19, c’è il sostegno allo sport, e i dirigenti dei club chiamati in causa, hanno messo in campo un grande spirito costruttivo.“Apprezzabile l’iniziativa intrapresa dall’Assessore Tersigni e dal Consigliere Mosticone – commenta il consulente legale dell’Argos Volley, Mario Cioffi -. La Società Argos è disponibile e favorevole a un progetto di Pallavolo sotto un’unica bandiera, quella della nostra Città, da adottarsi intanto mediante la sottoscrizione immediata di un protocollo, sotto l’egida del Comune di Sora.Questa è la soluzione auspicabile e probabilmente anche l’unica che permetta di difendere le varie realtà sportive presenti in ambito comunale, che da anni esprimono passione, impegno e sacrifici nel settore. Soprattutto in un momento in cui c’è assoluta penuria di spazi, in ragione del distanziamento sociale e dell’onere di sanificazioni continue, in caso di uso promiscuo delle strutture, che riguarderà i vari comparti, sia scolastico che sportivo”.Attivare percorsi comuni per affrontare al meglio le problematiche legate alle linee guida circa la modalità di svolgimento degli allenamenti per gli sport di squadra, e intraprendere soluzioni condivise e sostenibili per il rispetto delle misure di sicurezza. Questo il volere del Comune di Sora e delle società pallavolistiche della città. Insomma, anche in questa fase 2, distanti ma uniti, perché, come continua a spiegarci l’avvocato Cioffi.“Non andrà di certo meglio, almeno per i prossimi mesi, quanto alla situazione economica generale ed alla possibilità, che mancherà, di sponsorizzazioni e “quote iscrizioni” sufficienti a sostenere tutti gli impegni di gestione, agonistici e di campionato. Per questo una organizzazione unica e ottimizzata di strutture e risorse economiche, in uno con l’aiuto e le sollecitazioni che le stesse Istituzioni potranno garantire, renderebbe più agevoli i percorsi futuri. E proprio tra i percorsi futuri, la Argos Volley vedrebbe bene questa nuova base societaria aperta, oltre che alle Associazioni del Volley, anche a tutti coloro che volessero farvi parte, con riferimento sia ad eventuali imprenditori locali che a singoli cittadini, in termini di “azionariato diffuso”. Nota positiva è che il prossimo Campionato di Superlega subirà, per forza di cose, un livellamento verso il basso degli impegni economici, tale che, ove si unissero le forze e vi fosse un certo coinvolgimento, anche di carattere emotivo, non sarebbe poi così difficile affrontarlo con prospettive di ben figurare”.
COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *