Comitato Civico Cori: “No al Goretti di Latina in elisoccorso di notte, inaccessibile puntata 2”

ospedale latina
Arrivano quando la celerità deve attenuare la possibile gravità, sono i servizi di elisoccorso. 
Ma non possono arrivare ovunque, così ogni grande struttura sanitaria ha una superficie dedicata, ma al Goretti sembra che la piazzola di atterraggio sia off limits di notte.
Tutto ciò farebbe il paio con l’eredità lasciata da Casati alla ASL di Latina: chiusi tutti gli ex PPI, trasformati in PAT, di notte, ed impossibilità di atterrare all’Ospedale S.Maria Goretti di Latina, di notte, per carenza o assenza di illuminazione.  E’ il ben servito ai cittadini pontini, che non meritano servizi alla salute di qualità; perchè non esprimono politici di qualità, così il commento dietro le quinte dei dirigenti super pagati della ASL di Latina. 
Ma cosa fanno gli uffici tecnici della ASL destinati ad assicurare sicurezza e buon funzionamento della struttura? Dovrebbero dircelo i super dirigenti! 
I disservizi sull’accessibilità del Goretti, sono di estrema gravità per una popolazione di oltre mezzo milione di persone della provincia di Latina, e ogni giorno ce ne è una di più, sempre peggiore della precedente.
Il nuovo Direttore Generale, Dott.a Cavalli,  non dovrebbe dormirci sopra, perchè la situazione esplosiva nella gestione di servizi essenziali per l’emergenza e la cura, è sempre più evidente – denuncia il Comitato Civico  di Cori – e la pandemia Covid, non ha insegnato nulla, visto che non si prendono provvedimenti. Ancora per quanto si pensa di coprire le tante responsabilità, che compromettono la salute dei cittadini?
Ora, quanto costa alla collettività, un’eliambulanza che prende il volo, ma non può atterrare? 
Così, al danno, di aver tolto tutti i servizi sanitari nel territorio, si aggiunge la beffa.  
Con l’eliambulanza non è detto che sia possibile accorciare le distanze, ed in realtà, la c.d. razionalizzazione della spesa sanitaria alla ASL di Latina, è una moltiplicazione di voci di spesa senza dare servizi ai cittadini, e senza che alcuno ne “renda il conto”.
Ci appelliamo di nuovo al Sindaco di Latina, Dottor Damiano Coletta, anche in qualità di Presidente della Conferenza dei Servizi sulla Sanità della provincia di Latina, affinchè si faccia valere anche per tutti gli altri Sindaci dei 33 Comuni pontini, ed inchiodi tutti i dirigenti della ASL  alle proprie responsabilità: siamo stufi di essere trattati da cittadini di serie, ancor più infima della, B!
COMUNICATO STAMPA – FOTO ARCHIVIO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *