Cisterna di Latina, Consiglio comunale: surroga e rinvio di tutti i punti

Aula_consiglio cisterna
E’ iniziato con un minuto di silenzio in memoria della prematura scomparsa di Angelo Mattoccia il Consiglio comunale di ieri mattina a Cisterna.
Successivamente il Presidente del Consiglio, Pier Luigi Di Cori, ha dato lettura della comunicazione protocollata dai consiglieri Cavazzina, Giordani e Cassetti in cui nominano Cavazzina capogruppo di Fratelli d’Italia in sostituzione di Squicquaro. Subito dopo ha dato lettura di una seconda comunicazione, da poco pervenuta e senza essere ancora protocollata, dei consiglieri Mazzoli e Iazzetta della lista Cisterna Ideale, di adesione al partito Fratelli d’Italia e conferma di Squicquaro come capogruppo. Di contro Cavazzina ha dichiarato che, viste le problematiche interne al partito, il direttivo al momento non accetta nuove adesioni.
Per quanto riguarda l’esame dei punti all’ordine del giorno, è stato chiesto di anticipare quello riguardante la surroga del dimissionario Luigi Esposito che ha quindi portato l’ex assessore Renato Campoli questa volta ad assumere il ruolo di consigliere comunale. Campoli ha ringraziato il suo predecessore e ha confermato la sua adesione alla lista civica Cisterna Democratica e il sostegno al sindaco.
Gli interventi di Santilli, Innamorato e Capuzzo sono stati soprattutto incentrati sull’appello all’unità sociale e politica nell’affrontare la questione COVID sia in termini di azioni volte a prevenire il contagio, che di aiuto e sostegno alle persone e categorie colpite. Inoltre hanno chiesto al sindaco di fare chiarezza sulla situazione politica in cui versa l’attuale maggioranza e il governo della città, considerato che da circa tre settimane rimangono in carica solo due assessori senza delega. Inoltre Innamorato e Santilli hanno lamentato il diniego alla richiesta di accesso agli atti per la mozione di sfiducia al Presidente del Consiglio di cui ha dato notizia la stampa locale.
Nel suo intervento il sindaco Carturan ha invece osservato una irritualità nella convocazione dell’assise sia per la tempistica che per i punti inseriti all’ordine del giorno, i quali sarebbero stati oggetto della conferenza dei capigruppo di oggi pomeriggio in vista dell’indizione di un nuovo consiglio da tenersi d’urgenza nel corso della settimana.
Il presidente Di Cori ha citato la norma che imponeva l’obbligo di provvedere alla surroga del consigliere dimissionario entro dieci giorni dalla data di presentazione della nota al protocollo, e quindi entro la giornata odierna. Inoltre ha dichiarato che non conosceva le motivazioni del diniego al rilascio di accesso alla mozione di sfiducia di cui avrebbe fornito copia nella riunione dei capigruppo.
In conseguenza di ciò il sindaco ha chiesto il ritiro di tutti i restanti punti all’ordine del giorno per inserirli, con l’integrazione di altri, nel prossimo consiglio comunale.
La proposta infine è stata accolta dalla maggioranza dei presenti e con il voto contrario di Innamorato, Melchionna, Santilli, Sarracino e quello astenuto di Cece, Poli e Mastroianni.
COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *