Boville Ernica – Carenza idrica, un’ordinanza per vietarne l’uso non domestico

Boville locandina ordinanza acqua potabile

Il provvedimento del sindaco Perciballi in vigore dal 5 luglio al 30 settembre prevede anche che il gestore idrico ripari immediatamente le perdite. I trasgressori rischiano fino a 500 euro di sanzione.

È vietato innaffiare, lavare l’automobile e riempire la piscina con l’acqua potabile. Lo ha messo nero su bianco il sindaco Enzo Perciballi che ha emanato un’ordinanza, la numero 23 del 5 luglio 2021, per proibire l’impiego dell’acqua potabile per usi diversi da quello domestico. Con lo stesso provvedimento impone al gestore idrico l’obbligo di riparare le perdite presenti sul territorio comunale, con lo scopo di garantire a tutti la fornitura. L’atto amministrativo è in vigore dal 5 luglio al 30 settembre 2021.

VIETATO INNAFFIARE, LAVARE AUTO E RIEMPIRE PISCINE

Si legge fra l’altro nell’ordinanza sindacale: “Durante la stagione estiva è opportuno e necessario vietare l’uso dell’acqua erogata dal pubblico acquedotto per scopi diversi da quello potabile ed igienico-sanitario; a tale scopo, appare utile limitarne l’utilizzo ai soli fini potabili ed igienico-sanitari, nel periodo dal 5 luglio 2021 al 30 settembre 2021, per garantire una migliore ed equilibrata ripartizione della risorsa idrica ed evitare possibili disagi agli utenti; ordina per il periodo dal 5 luglio 2021 al 30 settembre 2021 il divieto di utilizzo di acqua potabile per innaffiare orti, giardini, parchi, vivai, piantagioni, per il lavaggio dei veicoli e il riempimento delle piscine”.

 LE ECCEZIONI PER IL BENE PUBBLICO

Qualora per necessità di pubblico interesse – si legge in un altro passaggio – o per il mantenimento di beni pubblici, oltre che per inderogabili e improrogabili necessità, si debba far uso dell’acqua potabile, il personale dipendente del Comune o soggetti appositamente incaricatipossono farne strettamente uso per garantire la buona conduzione del bene che in caso contrario potrebbe danneggiarsi irrimediabilmente”.

OBBLIGO DI RIMUOVERE LE PERDITE

Si ordina, inoltre alle gestore della rete idrica ed ogni altro eventuale interessato, di rimuovere tempestivamente ogni perdita nella rete che possa concorrere alla difficoltà di garantire la continuità dell’erogazione del servizio”.

LE SANZIONI CHE SI RISCHIANO

E’ fatto obbligo alla Polizia locale, alle Forze dell’ordine in genere e a chiunque spetti, di fare osservare la presente ordinanza. Avverte: le infrazioni saranno punite con una sanzione da 25 a 500 euro”.

Comunicato stampa a firma del sindaco dott. Enzo Perciballi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *