Techno Racing Team: Landshaag complicata

landshaaag danubio 2022

Willy incassa i primi punti del campionato, ma non è soddisfatto

E’ iniziata giovedi scorso la trasferta del Techno Racing Team, direzione Landshaag (Austria), dove si correva la prima tappa del Hill Climb European Championship, ovvero il Campionato Europeo di Velocità in Salita. In gara con i colori del Techno Racing Team di Isola del Liri, c’era il pilota Williams Alonzi (Willy). La gara austriaca è uno dei punti di riferimento dell’intero campionato e fa segnare sempre un gran numero di partecipanti (288). Willy era in gara nella classe superbike, in sella ad una Aprilia RSV 1000, che durante l’inverno è stata oggetto di molte evoluzioni, in special modo per ciò che concerne l’elettronica, che è stata curata dalla Ecucalibration di Andrea Saccucci. Per Willy era la prima uscita, su questa moto, del tutto diversa dalla precedente. La prima presa di contatto c’è stata sabato pomeriggio nel primo turno di prove libere. Durante il week end sono intercorse molte telefonate tra Willy e Saccucci (era in Portogallo per una gara Ferrari), per trovare il bandolo della matassa. Alla fine la strategia definitiva veniva scelta, solo domenica mattina al termine delle qualifiche. Sentiamo il racconto dalla bocca di Willy:” E’stata una gara veramente complicata, con una moto totalmente nuova e da imparare a conoscere, un motore molto più brusco nelle reazioni, che dovrò imparare a gestire. Ho provato tante configurazioni, prima di trovare la più idonea. Inoltre erano due anni che non venivo più a Landshaag, quindi con riferimenti da ritrovare. Poi se a tutto questo aggiungiamo il fattore psicologico di essere fermato due volte in partenza, sempre per caduta del pilota che ti sta davanti, non è facile. Io avevo il numero 253, Claudio (con cui ho fatto tutto il viaggio insieme) il 252 e Francesco Piva il 251. Quindi caduto il 251, caduto il 252 è legittimo che nella tua testa pensi, sarà la volta del 253? Inoltre dover rifare le partenze e nell’ultima è iniziata ad arrivare anche qualche goccia di pioggia, sono tutti fattori che non tranquillizzano, certamente si poteva fare meglio, però per come si erano messe le cose era facile fare anche molto peggio, quindi tornare con qualche punto nel carniere è un fattore positivo”. A conferma delle parole del pilota del Techno Racing Team, ci sono i tempi, che salita dopo salita sono sempre migliorati, tranne nell’ultima salita dove Willy non è riuscito a migliorarsi. La gara è stata vinta dall’austriaco Weiss, davanti a Gammer e Gangl. Da sottolineare  l’incidente, in cui è incappato il pilota Claudio Di Prima, ora ricoverato all’ospedale di Linz, è stato operato al bacino, ad una caviglia e gli è stata ingessata l’altra gamba. Ora il circus del campionato europeo, approda ad Arezzo, dove al passo dello Spino è previsto per fine mese il secondo round.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *