Sora – Incontro con i comitati aboliamo i Consorzi di Bonifica, enti inutili e no al Consorzio Unico

Tomaselli Picano

I comuni devono deliberare l’uscita dal perimetro di contribuenza in modo che i cittadini non pagheranno mai più nessun tributo sia sulle case che sui terreni. Abbiamo vinto una battaglia non la guerra. Sabato 26 febbraio ore 15 a Sora presso il bar dolce Mimì in piazza Santa Restituta il consigliere comunale di Isola del Liri Mauro Tomaselli organizza l’incontro insieme a tutti i comitati No Conca- aboliamo i consorzi di Isola del Liri, Sora, Pescosolido, Castelliri, Fontechiari, Broccostella, Arpino, Arce, Atina, gruppo Broccostella e Terra Nostra. I temi trattati saranno; 1)bollette annullate e bollette di nuova emissione (metodo usato dal commissario unico per il risanamento dei deficit accumulati in passato da tutti i consorzi 2)responsabilità politiche dei sindaci e consiglieri 3) iniziative da intraprendere. Presenti all’incontro(interverranno) il consigliere regionale Aurigemma, il presidente del consiglio comunale di Atina Paolo Fallena, l’ing. A. Sardellitti, il prof. Bove Lucio, l’avv. Corsetti Elio, Franco Frisone, l’avv. Gabriele Picano vice Presidente provinciale F.D.I. Il cons. Tomaselli Mauro afferma abbiamo vinto una battaglia ma non la guerra! I sindaci del PD, in accordo con la politica della giunta Zingaretti i consiglieri regionali (oggi sostenuti dai 5 stelle ormai subalterni al PD)Loreto Marcelli -ha detto Tomaselli non hanno ancora capito o fanno finta di capire che i ristori arrivati, grazie ai cittadini scesi nelle piazze, per abbattere le super-bollette non debbano essere un contentino! Il problema è “politico”, i cittadini sono esasperati, non possiamo più mantenere questi enti inutili e obsoleti vista la grave crisi economica. La soluzione è una sola: tutti i comuni devono deliberare l’uscita dal perimetro di contribuenza dai consorzi e la Regione deve approvare e No all’ingresso nel costituendo Consorzio Unico Lazio Sud-Est. Se I comuni escono da tale perimetro, i cittadini “non pagheranno nessun tributo sia sulle case che sui terreni.” Solo chi usufruirà del servizio idrico pagherà le bollette e comunque solo su richiesta dell’utente come già accade nei comuni di “Settefrati, San Donato, Gallinaro, Alvito e Terelle comune uscito nel 1991 con l’approvazione della Regione Lazio. Questa situazione è dovuta alla complicità politica dei rappresentanti politici eletti in ciociaria dei Sindaci di noi consiglieri comunali che pur rendendosi conto del disastro, accettano passivamente le decisioni imposte dai politici romani solo per salvaguardare la poltrona, afferma il consigliere Mauro Tomaselli. L’avv. Gabriele Picano vicepresidente provinciale di Fratelli d’Italia che interverrà all’incontro dichiara di apprezzare l’iniziativa promossa dal consigliere Mauro Tomaselli contro le politiche poste in essere dai consorzi di bonifica. Ritiene che l’uscita dal perimetro di contribuenza sia l’unica soluzione per evitare le continue irrogazione di tributi. E’ necessario che gli utenti paghino le bollette sole se beneficino effettivamente dei servizi idrici.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *