Il TRT in gara a Landshaag per l’European Hill Climb Championship

RSV Willy

Il Techno Racing Team sta preparando al meglio la stagione 2022, carichi e motivati a riscattare le due stagioni precedenti interrotte o annullate causa COVID-19. La stagione agonistica, inizierà nel week-end 30 Aprile – 1 Maggio e vedrà impegnato il TRT nell’European Hill Climb Championships con la gara austriaca di Landshaag-St.Martin. Il pilota sarà Williams Alonzi, che in sella alla sua Aprilia RSV1000, gareggerà nella classe Superbike. Al pilota del TRT conosciuto da tutti con il nome di Willy, abbiamo chiesto, quale è il suo obbiettivo per questa gara. Questa la sua risposta:” Viste le altissime medie e punte velocistiche che si raggiungono, si tratta di una gara, che sicuramente è più favorevole alle moto con motorizzazione a quattro cilindri, inoltre con le alte velocità, è sempre molto difficile memorizzare i punti di riferimento, quindi riuscire a centrare la zona punti, potrebbe essere un buon risultato”. La pista è un tratto della strada statale L1507 tra Landshaag e St. Martin im Mühlkreis, che resterà chiusa per due giorni per permettere di disputare le prove al sabato e le due manches di gare la domenica. Il percorso è lungo 3620 m, con un dislivello da superare di 230 mt. La partenza e le prime curve (molto veloci) sono ancora nel territorio di Landshaag, cui segue un tratto rettilineo dove, nonostante la pendenza, si possono raggiungere velocità fino ai 260 km/h. Dopo 1,1 km il percorso si snoda attraverso un’area boschiva lunga circa 600 mt con una combinazione di curve, è questo il tratto più lento della gara. Poi il percorso diventa pianeggiante, dopo una veloce curva a sinistra (la così detta curva della casa) segue un tratto in discesa, con una compressione, al termine della discesa, dove i piloti più veloci superano abbondantemente i 300 km/h. Successivamente la strada ritorna a salire con una pendenza che aumenta repentinamente, quindi dopo una curva a destra e una a sinistra segue il rettilineo di arrivo, dove si raggiungono nuovamente i 280 km/h circa.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *