Frosinone, l’assessore Testa risponde al PD sulle Primarie

PALAZZO COMUNALE COMUNE FROSINONE
“Il PD a Frosinone parla di primarie pur non essendo titolato a farlo: siamo l’unico capoluogo d’Italia in cui il PD, infatti, rifiuta di celebrare questo importante momento di condivisione e partecipazione democratica. Ovunque esistano forze di sinistra, le primarie vengono effettuate, ma a Frosinone non accade. Forse perché, qui, la sinistra a cui fa riferimento il PD non esiste? Va detto però che c’è un tipo di iniziativa in cui il PD eccelle, ed è quello della corsa ad incarichi, consulenze ed appalti, per cercare di tenere insieme ciò che resta della sinistra. Queste sono le uniche ‘primarie’ in cui il PD di Frosinone può cimentarsi, come sta avvenendo in queste ore di frenesia – ha dichiarato l’assessore al centro storico Rossella Testa, candidata alle primarie del 27 marzo –  La coalizione del sindaco Ottaviani – che da 10 anni, peraltro, celebra le primarie – preferisce parlare solo di dati e di risultati concreti a vantaggio dell’intera cittadinanza. Per quanto riguarda il centro storico, ad esempio, si rileva l’apertura di ben 24 attività nel centro storico, da giugno 2021 a oggi, soprattutto da parte di giovani imprenditori.
L’amministrazione Ottaviani ha trovato e ristrutturato la sede definitiva e prestigiosa nel Palazzo Tiravanti, per l’Accademia di belle arti, attesa da trent’anni, con migliaia di studenti provenienti da tutto il mondo che vivono, tutti i giorni, il centro storico cittadino, con le evidenti ricadute economiche. La stessa amministrazione ha acquistato due teatri, il Nestor (che ospita una stagione autunnale di prosa di grande successo) e il Vittoria (in cui stanno per partire i lavori di riqualificazione); ha acquistato la sede di Palazzo Munari della ex Banca d’Italia, affinché diventasse una sede comunale “polivalente”, in cui ammirare anche i tesori del Museo Archeologico nel caveau e le opere di artisti locali, nazionali e internazionali nella pinacoteca, oltre allo splendido panorama della terrazza; ha istituzionalizzato manifestazioni come il Festival dei Conservatori di musica, il Teatro tra le Porte, le Terrazze del Belvedere. Si apprestano a partire, inoltre, i cantieri per la riqualificazione e la messa in sicurezza dal punto di vista idrogeologico dei Piloni e di largo Turriziani, che diventeranno la cartolina della città. Le opere e le iniziative citate sono diventate patrimonio della città e continueranno ad avere effetti positivi sul tessuto economico, culturale e sociale del capoluogo anche nei prossimi anni”.
Nella foto, Palazzo Munari.
COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *