Frosinone, il candidato del PD contro il progetto Solidiamo

un'immagine dell'ultima edizione di Solidiamo

“Solidiamo? Io lo chiamerei soldi-diamo… Una cosa veramente indegna che va a captare un consenso di bassissimo profilo”. Sono queste le parole che il candidato a sindaco del Pd ha usato per presentarsi alla città, dentro una sala di un albergo-ristorante, giovedì scorso, raccogliendo l’applauso disperato del Politbüro del partito. In realtà, nell’arco di dieci anni dalla sua istituzione – ha replicato il comitato delle Primarie per la Città –  il progetto Solidiamo ha visto protagonisti 5.000 giovani studenti degli istituti medi inferiori e superiori e 3.000 anziani della città. Chissà cosa penseranno quelle 8.000 famiglie di Frosinone che hanno usufruito di quello stanziamento, vedendosi cancellato il progetto Solidiamo e, soprattutto, se saranno dello stesso avviso del candidato a sindaco del Pd, a giugno prossimo, quando si andrà a votare davvero, per delegare chi dovrà rappresentare le problematiche e i progetti della cittadinanza, senza offese, con tanta concretezza, come avvenuto fino ad oggi.

Il progetto Solidiamo, ideato nel 2012 dall’amministrazione Ottaviani, è nato, infatti, con lo scopo di premiare il merito e il sacrificio dei giovani frusinati e gli sforzi delle loro famiglie, oltre che di promuovere attività per gli anziani e i disabili. Solidiamo, infatti, prevede l’erogazione di borse di studio e premi in favore degli alunni meritevoli delle Scuole Medie e Superiori di Frosinone grazie a un fondo costituito mediante il taglio del 50% delle indennità di funzione di Sindaco, Assessori e Presidente del Consiglio comunale e dei gettoni di presenza dei Consiglieri comunali. Il progetto, rimasto un unicum in tutta Italia, oltre alle borse di studio per i giovani residenti nel capoluogo, finanzia, come detto, anche attività culturali a favore degli anziani e delle persone con disabilità. La priorità è quella di reinvestire le risorse in iniziative che rafforzino il valore della solidarietà, sottraendo una cifra consistente alla politica mettendola a disposizione di chi ha più bisogno.

Il Comitato delle Primarie per la Città.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *