Ferentino, il gruppo consiliare Pd: votare il bilancio era atto di responsabilità

comune Ferentino

“Votare un bilancio come quello illustrato dal sindaco Antonio Pompeo nell’ultima seduta consiliare non è soltanto onorare l’impegno preso nei confronti della città e dei cittadini per la crescita, lo sviluppo e una sempre maggiore vivibilità di Ferentino. È prima di tutto un’azione di responsabilità politica e amministrativa, di buon senso e riconoscimento, al di là di inutili ripicche e aspirazioni personali, del grande lavoro portato avanti dal primo cittadino. Un lavoro riconosciuto e confermato anche dai nuovi ingressi in maggioranza”.

Così il gruppo consiliare del Partito Democratico di Ferentino, composto dal capogruppo Luigi Ceccarelli, dal consigliere Mariano Pennacchia e dall’assessore al Bilancio, Franco Martini.

Continua la nota del gruppo Pd: “Chi ha espresso il proprio voto favorevole per questo bilancio ha dimostrato di essere parte integrante e propulsiva di questa maggioranza e di sostenere la forte azione di governo del sindaco Pompeo che, con lungimiranza, rigore e dedizione, ha già centrato importanti obiettivi e messo in cantiere opere importanti per la nostra città. Non solo: il documento approvato in aula è un vero e proprio ‘manifesto del fare’: dalle opere infrastrutturali come la rotatoria a Pontegrande, l’auditorium all’Itis ‘Don Morosini’, il nuovo parcheggio alla stazione ferroviaria di Ferentino, l’ampliamento del cimitero, il completamento dei lavori di riqualificazione a Sant’Agata, del parco delle Molazzete e di Madonna degli Angeli , alle agevolazioni in materia di tasse e tributi comunali per le fasce svantaggiate e le attività commerciali, che hanno subito danni e perdite a causa della pandemia. Ma ci sono anche tanti interventi per le associazioni e per la cultura, senza dimenticare il risultato per noi più grande: dopo tanti anni siamo riusciti a mettere la parola fine alla STU e riconsegneremo presto alla città la sua scuola, l’ex Paolini. Non era un risultato scontato per una vicenda così complessa, e questo risultato è soprattutto frutto dell’impegno e di un innegabile capacità amministrativa del sindaco Pompeo. Anche su questo il totale silenzio di chi invece avrebbe dovuto spendere qualche parola”.

“Non riconoscere che tutto questo va nell’esclusivo interesse della città e dei cittadini – concludono Ceccarelli, Pennacchia e Martini – è da irresponsabili e il mancato sostegno al documento di bilancio durante l’ultimo consiglio è davvero ingiustificabile come lo è la mancata votazione della delibera che permetterà l’esonero dal pagamento della tassa di occuoazione del suo pubblico a bar,ristoranti, pizzerie, gelaterie ed altre attività della nostra città”.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *