Codici: attenzione alle assicurazioni con protezione satellitare, i contratti possono riservare brutte sorprese

CODICI LOGO NUOVO

Un dispositivo per uno sconto. È la proposta che sempre più spesso riceve chi è alla ricerca di una nuova assicurazione per la propria auto. Aggiungendo la protezione satellitare, una scatola nera da installare sulla vettura, si ottiene una riduzione del prezzo della polizza. Non sempre, però, i conti alla fine tornano e l’associazione Codici invita i consumatori a prestare attenzione.

“Nulla da dire su questa pratica tanto in voga – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici –, il problema, come al solito, è che la proposta non sempre è trasparente. Abbiamo ricevuto segnalazioni che dimostrano come ci siano degli aspetti da chiarire e ci auguriamo che le compagnie agiscano in tal senso, colmando una lacuna che può arrivare a costare centinaia di euro all’ignaro cliente”.

“Al momento di stipulare il contratto – spiega Massimiliano Astarita, Dirigente di Codici Lazio –, il consumatore crede di firmare un pacchetto che comprende tutto, ovvero assicurazione e dispositivo satellitare. Non è così. Il contratto è separato e spesso pluriennale, ed il problema è che il cliente lo scopre quando scade quello relativo alla polizza. Stiamo seguendo alcuni casi in cui il consumatore ha ricevuto una penale salata, parliamo di alcune centinaia di euro, in quanto una volta conclusa l’assicurazione non ha più pagato, pensando che il contratto fosse chiuso, mentre invece era rimasto attivo quello relativo alla scatola nera. Quindi, attenzione a cosa si firma, in particolare alle condizioni del contratto, perché è facile avere brutte sorprese. E nel caso si decidesse di cambiare assicurazione, è bene contattare la compagnia che si vuole lasciare per chiedere quali sono i costi per rimuovere il dispositivo, perché magari il risparmio preventivato potrebbe essere annullato da queste spese”.

Codici sta raccogliendo segnalazioni per fornire assistenza a chi è incappato in una situazione del genere e si è ritrovato a dover pagare penali salate pensando di aver concluso un contratto in realtà terminato parzialmente. Per avere informazioni sulle azioni avviate è possibile contattare l’associazione al numero 06.55.71.996 oppure all’indirizzo segreteria.sportello@codici.org.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *