“Un ricordo per la pace” aggressione ad un ragazzo di Aprilia: “SUBITO UN FLASH MOB CONTRO VIOLENZA E BULLISMO”

Rissa (1)

Si chiama “knockout game”, un folle gioco importato dagli Stati Uniti; si tratta di colpire brutalmente una vittima inconsapevole, scelta a caso .

Una violenza inaudita messa in atto in via Verdi ad Aprilia da una banda di minorenni a scapito di un ragazzo di 18 anni, colpito fortemente alla nuca fino a cadere brutalmente sull’asfalto privo di sensi, provocandosi ferite e la rottura di alcuni denti.

Il comunicato di “Un ricordo per la pace”

Esprime sdegno sulla vicenda Elisa Bonacini, presidente di “Un ricordo per la pace”: “ A caso, scelto questo povero ragazzo, chissà che traumi psicologici si porterà dietro nella vita, oltre a tutte le necessarie cure per tornare come era prima, prima di essere colpito brutalmente. Scelto “ a caso”, magari per combattere la noia di un umido pomeriggio di pandemia.

Esercitare violenza “a caso”, senza neppure la più labile motivazione razionale. Sconvolgente. Emblematico del malessere non solo dei singoli individui, in tal caso minori, ma delle famiglie, di tutta la società. Un po’ è vergogna di tutti noi.

In rappresentanza di “Un ricordo per la pace” esprimo i più sentiti Auguri di pronta guarigione al ragazzo vittima della vigliacca aggressione e solidarietà alla famiglia, che in questi momenti sta soffrendo forse più del ragazzo.

Nei limiti delle restrizioni anticovid, auspico che i ragazzi di Aprilia e le istituzioni si organizzino per la tempestiva realizzazione di un FLASH MOB contro violenza e bullismo.

“Un ricordo per la pace” non mancherà.

COMUNICATO STAMPA – FOTO GENERICA WEB

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *