ULTIM’ORA / Arpino (FR) – Violento temporale provoca danni, disagi e proteste (Video)

IMG_20200911_192815

Mezz’ora di fuoco, anzi di acqua. Tanta acqua. Si è abbattuta anche e soprattutto sulla città di Cicerone tra le 17 e le 17.30 provocando qualche danno, molti disagi e pure una discreta dose di proteste. Tutto documentabile sui social dai quali abbiamo ‘pescato’ il breve filmato (10 in pagella a chi l’ha realizzato a suo rischio e pericolo).Il violento temporale, o ‘bomba d’acqua’ come si chiamano oggi tali eventi atmosferici, ha allagato l’intero centro storico formando nei quartieri in quota vere e proprie cascate che hanno riversato centinaia, forse migliaia di metri cubi di H2O, sulle zone più a valle del centro storico. Certo, nei fatti si è trattato di un nubifragio, i cui effetti tuttavia potevano essere attenuati se il sistema di scolo dell’acqua meteorica avesse funzionato. Ed invece no, un po’ ovunque si sono registrati fino a venti centimetri di ‘acqua alta’. Quasi una piscina per bambini. Come è capitato in via Cesari e piazzetta San Francesco, come è successo proprio davanti al palazzo comunale, come è ricapitato lungo Corso Tulliano. Qui si registra una curiosa anomalia. Buona parte del tetto di Palazzo Sangermano, a causa di discendenti male alloggiati, scarica a fontanella ettolitri di acqua sulla strada. Acqua che finisce sul marciapiede di fronte, parte si infila in un negozio, parte rimbalza e torna in strada fino a raggiungere scorrendo sulla sinistra, una caditoia mezza ‘appilata’. Metà scola, l’altra metà finisce in un’attività di servizio. E ciò a seguito dei recenti lavori di manutenzione straordinaria eseguiti dalla Provincia. Di fronte c’è un’altra caditoia, molto più ampia, che a quanto pare alimenta il fossato a valle. Caditoia che purtroppo non riceve nulla. Fogliame e detriti sì, pioggia no.Alcuni commenti diretti o sui social dovrebbero scuotere chi ha il dovere di occuparsi anche di queste piccole ‘sciagure’. Perchè di temporali così ne capitano diversi durante l’anno. Pulire qualche tombino sarebbe utile e soprattutto avrebbe a che fare con l’interesse pubblico, quello vero! Concetto che in Municipio talvolta viene accantonato.
Lu

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *