Sora (FR) – Gruppo Sora 2.0: “Inutile ed inopportuna l’ idea della fiaccolata contro il crimine.”

Roberto Mollicone Sora
L’ idea di organizzare una fiaccolata, dopo i recenti avvenimenti, sembra non piacere ai sorani, che ritengono l’ iniziativa lanciata dal Sindaco Roberto De Donatis, inutile ed inopportuna. Dello stesso avviso il Gruppo Sora 2.0, che in una nota stampa dichiara:
Nella nostra città, ci sono diversi punti in cui i ragazzi sono soliti consumare sostanze stupefacenti. Queste situazioni sono state segnalate più volte proprio al Sindaco, chiedendo che venissero effettuati più controlli. Basti pensare che molti di questi luoghi si trovano a due passi dal comune, lungo la scalinata che costeggia l’ ex tribunale ad esempio, oppure vicolo Pianello, eppure mai un provvedimento adottato, mai un sollecito, mai una qualsiasi iniziativa volta a stoppare questo fenomeno. E di quello che succede dietro Piazza S. Restituta meglio non parlarne. Proprio per questo l’ idea della fiaccolata ci sembra più una presa in giro, che un atto concreto contro il crimine . La città la devi vivere per conoscerla, c’ è molto di più di una poltrona da Sindaco da vedere, e il goffo tentativo del nostro primo cittadino di opporsi a determinati episodi, ha il soll scopo di parlare i colpi dopo le dichiarazioni del Capo della Squadra Mobile Genovesi.Non possiamo pensare di risolvere tutto con fiaccolate e gessetti colorati. Crediamo invece che la città abbia bisogno di investire sul suo futuro, creando centri sportivi accessibili a tutti, e non privatizzati come accade oggi, di centri di aggregazione giovanile, dove i giovani possano dibattere sui temi attuali come musica, politica, arte e sport ad esempio, oppure di un centro di ascolto per genitori di figli con problemi di dipendenza, e di un efficace progetto di reinserimento nella società, e nel mondo lavorativi.Crediamo che l’ errore più grande sia stata la mancanza di inventiva, e di iniziative volte a dare un opportunità, o un alternativa ai nostri giovani. E questo ciò di cui necessita la città, non di finti proclami.Bisogna smetterla di far finta di cadere dal pero, e di proporre iniziative di poco senso e che danno un forte senso di incapacità. La città ha bisogno di interventi che migliorino la vita dei cittadini non di ceri, candele e gessetti colorati.
COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *