SNAMI, insufficienti risorse economiche messe in campo per la medicina

snami-frosinone

Lo Snami riunisce in videoconferenza i membri eletti del Comitato Centrale e i Presidenti Regionali e Provinciali in una nonstop terminata a notte fonda per stabilire democraticamente un cronoprogramma delle azioni che il sindacato porrà in essere nell oggi,nel domani e nel prossimo futuro. Dopo la proclamazione dello stato di agitazione del 3 febbraio-dice Angelo Testa,presidente nazionale Snami-con i vertici sindacali rappresentativi di tutta Italia abbiamo deciso di passare all azione.Da qui alla fine di Marzo,termine dell emergenza per la pandemia, avvieremo una campagna di comunicazione rivolta alla politica nazionale e periferica ,ai Sindaci,a tutti i Medici e soprattutto ai pazienti per sottolineare tutti dei gravi problemi che sta vivendo la medicina generale .Poi faremo delle manifestazioni locali e nazionali -aggiunge Gianfranco Breccia,segretario nazionale Snami per arrivare ad uno sciopero nazionale. Le motivazioni del nostro malessere sottolinea Domenico Salvago,vicepresidente nazionale Snami- sono l aumento delle incombenze burocratiche e i compiti aggiuntivi che i Medici di Medicina Generale quotidianamente sono costretti ad affrontare e che il sistema ci impone in maniera coatta. Il tutto sottrae tempo alla clinica e allattività medica nei confronti dei nostri pazienti -aggiunge Salvatore Cauchi,addetto stampa nazionale Snami e Simona Autunnali,tesoriere nazionale Snami aggiunge che la protesta è anche per il perdurare della scarsa considerazione in cui viene tenuta la categoria dei Medici di Medicina Generale da parte dei decisori politici e dai tecnici della sanità, oltre ai continui attacchi mediatici rivolti alla stessa da parte dei media.E inutile sottolineare -puntualizzano Gennaro Caiffa e Matteo Picerna,vice segretari nazionali Snami, quanto siano insufficienti risorse economiche messe in campo per la medicina generale e per la confusione in atto tra Governo stero della Salute e Regioni riguardo alla prossima strutturazione delle cure territoriali compreso i fondi del PNRR che appaiono come un mero investimento immobiliare sul territorio senza alcuna attenzione al personale medico.”Con tutte queste problematiche-puntualizza Federico Di Renzo,addetto alla Presidenza,-la Medicina Generale sta diventando sempre meno appetibile per i giovani. E iniziata la PRIMAVERA SNAMI- conclude il leader dello Snami- e chiediamo al mondo medico e non di unirsi alle nostre azioni di protesta

comunicato stampa

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *