Mascherine al chiuso, da maggio via l’obbligo. Costa: «Sarà un’estate senza restrizioni»

gente mascherina

Dopo che negli ultimi giorni sembrava che si andasse verso una proroga delle mascherine al chiuso, il governo pare invece aver cambiato idea: il sottosegretario Andrea Costa, in un’intervista all’agenzia ANSA, fa infatti sapere che si potrebbe passare dall’obbligo ad una semplice raccomandazione da maggio, quando l’attuale norma sull’obbligo dovrebbe decadere.

«In settimana sicuramente ci si incontrerà e sulle mascherine verrà presa una decisione. Credo che la direzione sia quella che si passi a una raccomandazione perchè sono convinto che in questi due anni gli italiani abbiano preso una consapevolezza diversa, come per le mascherine all’aperto, e vedo cittadini che le indossano ancora», le parole di Costa, secondo cui «una riflessione che invece si può fare è mantenere ancora l’uso della mascherina per i mezzi di trasporto. Questa è la posizione che sostengo io e mi auguro che si possa arrivare a questa sintesi».

«Dobbiamo lanciare dei messaggi di fiducia e di speranza ai cittadini. E io credo che ci sono le condizioni per un’estate senza restrizioni. Questo sicuramente è un obiettivo raggiungibile», guardando anche al miglioramento dei dati sull’epidemia da Covid-19. Costa sottolinea che «dopo due anni di regole e restrizioni, soprattutto dopo che gli italiani si sono vaccinati, e hanno rispettato tutte le indicazioni del Governo, è giusto dare in questo momento messaggi positivi ed è giusto dire che ci sono le condizioni per un’estate senza nessun tipo di restrizioni».

«Per quanto mi riguarda le mascherine le toglierei anche a scuola soprattutto durante le ore di lezione, i bambini sono seduti al loro posto, penso che oggettivamente anche per loro si possa valutare di non metterle. Questa è la mia posizione, la posizione di Noi con L’Italia», aggiunge il sottosegretario Costa. E sul Green pass: «I criteri sono sempre quelli. Di fatto c’è sempre. La differenza – dice Costa – è che dal primo di maggio non verrà più richiesto per nessun tipo di attività e noi confidiamo e auspichiamo che non ce ne sia più bisogno. Non è che sparisce, semplicemente non viene più richiesto e non viene più utilizzato. Così come peraltro la struttura commissariale. Non c’è più il commissario straordinario ma c’è sempre una struttura pronta per l’evenienza». (Leggo) – foto archivio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *