Marito torna a casa, l’amante si lancia dal balcone (al secondo piano) e finisce in ospedale

IMG_20210217_213811

In tempo di pandemia, anche le scappatelle sono tornate all’antico. E così, complice il coprifuoco e la chiusura di locali ed alberghi, si rivivono scene, ormai consegnate ai ricordi della commedia all’italiana con l’amante costretto a nascondersi sotto al letto o a lanciarsi dal balcone. E proprio questo è accaduto la notte di San Valentino nella frazione Sant’Arcangelo. In una palazzina, ben nascosta tra il verde della collina, si stava consumando un incontro clandestino tra due amanti, entrambi sposati. Lui aveva raggiunto la donna nel suo appartamento, approfittando dell’assenza del marito. Ma qualcosa non è andato come calcolato.
Il coniuge tradito, accompagnato dal padre e dal fratello della moglie sono tornati a casa. Con ogni probabilità già sospettavano del tradimento. Sono arrivati fin sotto il portone del palazzo e poi hanno pensato di salire per controllare. Hanno iniziato a bussare al campanello, ma non hanno ricevuto risposta. Hanno così aperto la porta con le chiavi, ma del presunto amante non c’entra traccia. Hanno “ispezionato” tutto l’appartamento, facendo attenzione ai classici nascondigli: l’armadio, sotto il letto, ma niente. Nessuna traccia, solo uno strano rumore: un tonfo. L’amante non aveva trovato altra via di fuga che lanciarsi dal balcone del secondo piano. L’uomo dopo il volo si è accasciato al suolo, per fortuna, grazie anche a delle sterpaglie, ha riportato solo lievi traumi alla spalla e alle gambe.Ma non ha potuto fare a meno di chiamare i soccorsi. Sul posto sono arrivati i sanitari del 118, con il supporto dei carabinieri. L’amante è stato stabilizzato e trasportato all’ospedale Ruggì di Salerno dove i medici hanno riscontrato solo una serie di contusioni e traumi. Ma il racconto di quanto accaduto è finito sul web e sui social dove nelle scorse ore sono rimbalzate foto ed identità dei protagonisti, dando il via ad una serie di chat e commenti anche abbastanza pesanti, soprattutto perché si tratta di persone molto conosciute in città per le loro professioni. È poi è arrivata immancabile la corsa al gioco dei numeri al lotto per tentare la fortuna. Nella giornata di ieri l’amante è stato dimesso dall’ospedale ed è potuto tornare a casa.

Foto e fonte il messaggero

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *