L’UGL entra in ABB Spa per la prima volta nella storia: bene le elezioni RSU/RLS

logo ugl

Dopo oltre 50 anni entra in ABB Spa anche la quarta sigla sindacale. Si è presentata per la prima volta ed ha ottenuto un grande successo l’UGL Metalmeccanici di Frosinone che è riuscita a fare eleggere propri rappresentanti alle elezioni per il rinnovo delle RSU/RLS dello stabilimento di via Enrico Fermi che produce sistemi elettrici di bassa tensione.

Il sindacato ha ottenuto un seggio nel collegio degli operai, dove ha raccolto 88 voti, eleggendo Paolo Zeppieri sia RSU che RLS, ed un seggio tra gli impiegati (47 voti) con Marco Di Sano, risultato il più votato.

L’ABB Spa conta a Frosinone 1166 dipendenti che, per la prima volta, saranno rappresentati da quattro sigle sindacali.

Una grande vittoria, maturata dopo un lavoro lungo tre anni svolto dalla Segreteria provinciale guidata da Enzo Valente e dell’UGL Metalmeccanici del Segretario Gerardo Minotti, culminato con la presentazione di liste a cui gli operai e gli impiegati hanno espresso fiducia.

Un percorso difficile e pieno di ostacoli ma vincente come spiega il neo eletto Paolo Zeppieri: “Abbiamo raggiunto questo risultato attraverso un impegno costante, lottando per ottenere il nostro spazio di rappresentanza contro ostacoli difficili da superare che ci sono stati posti sulla nostra strada. I lavoratori sono stanchi di promesse e accordi che non soddisfano e hanno voluto il cambiamento puntando sul nostro sindacato. Abbiamo intercettato il malcontento ed in tanti si sono avvicinati con entusiasmo a noi”.

Il sindacato lavorerà per attuare il proprio programma: “Vogliamo più stabilizzazioni: ci sono 350 lavoratori a termine – spiega Zeppieri – che meritano di avere maggiori sicurezze sul futuro. Chiediamo di modificare le flessibilità a beneficio dei lavoratori (ciclo continuo) aumento del PDR, riconoscimenti delle professionalità e degli inquadramenti (livelli) e aprire discussione seria su due aspetti: il takt time, le linee a tempo, e il ciclo continuo, per il quale chiediamo l’inserimento della quinta squadra come accade nelle altre fabbriche. Abbiamo lavorato per sette mesi con sole quattro squadre a ritmi difficili da sostenere. Il coinvolgimento della quinta squadra è quanto mai fondamentale”.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *