Isola del Liri (FR) – Marciapiedi artistici e marciapiedi sfasciati

IMG_20200914_192210

Sul piano artistico avanguardista saranno pure marciapiedi interessanti (ma non tutti la pensano così). Su quello amministrativo sono sicuramente un clamoroso autogol.
La tinteggiatura del breve passaggio riservato ai pedoni davanti alla Cascata ha suscitato infatti diverse reazioni, soprattutto fra coloro che da almeno 15 anni convivono con tracciati che sembrano usciti dalla scenografia di un film di guerra. Talmente in indegne condizioni che quasi tutti coloro che vivono nella zona cercano di evitarli. L’obiettivo dei telefonini è puntato, in questa circostanza, sui marciapiedi di Campo dei Grilli, proprio nel tratto prossimo all’ingresso posteriore del complesso scolastico.Buche, cedimenti, detriti, monnezza fanno da sfondo all’abbandono che il Comune ha riservato alla zona. Qui un amministratore che ci tiene al decoro della città che amministra non potrebbe far altro che arrossire per la vergogna domandandosi: ‘Ma è qui che transitano i bambini che vanno a scuola, i loro genitori, i residenti che escono per fare la spesa…?’. Domande che dovrebbe porsi anche un sedicente assicuratore in vena di filosofiche considerazioni che non contemplano critiche, contestazioni, la bruttezza.
Le immagini che alcuni genitori ci hanno inviato sono inequivocabili, non c’è nulla da difendere o da giustificare. I marciapiedi di via Campo dei Grilli, anche quelli di via Campo dei Grilli, sono indecenti, pericolosi, brutti, senza un po’ di verde. In due parole: fanno schifo. Non sono così belli e futuristici come quelli del ponte di Napoli. Non basterà verniciarli per renderli transitabili.
Sarà pure per questo che nel saluto alla scuola che il sindaco Quadrini ha firmato due giorni fa non si fa cenno ai marciapiedi. Nel messaggio, tra l’altro, si legge: ‘Parimenti, saluto gli studenti che da domani raggiungeranno l’Istituto di Istruzione Secondaria Nicolucci-Reggio, rivolgendo loro un caloroso benvenuto’.
Sempre che non inciampino oltre il muro di cinta!
Lu

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *