Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, Rufa: “Importante ruolo dei centri di antiviolenza e case rifugio”

rufa 2

Il prossimo 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, istituita dall’Onu con la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999. La matrice della violenza contro le donne può essere rintracciata ancor oggi nella disuguaglianza dei rapporti tra uomini e donne. A settembre la commissione d’Inchiesta sul femminicidio di cui il Senatore della Lega Gianfranco Rufa  è membro e segretario  ha sottolineato l’importante ruolo che svolgono i centri di antiviolenza  e le case rifugio presenti sul territorio nazionale, rimarcando fondamentali punti che richiedono l’attenzione ed il contributo economico del Governo: “ Aumentare le risorse per l’intero sistema di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne, semplificare e velocizzare il percorso dei finanziamenti rendendolo a cadenza triennale, verificarne l’effettiva erogazione ai centri antiviolenza e alle case rifugio attraverso un sistema in grado di premiare esperienza ma soprattutto specializzazione, potenziare la governance centrale del sistema, istituire un Osservatorio nazionale permanente con compiti di valutazione indipendente”.“Il femminicidio è una piaga che deve essere estirpata, purtroppo sono ancora tanti i casi di violenza sulle donne, che concludono con omicidi efferati –continua il Senatore Rufa– il più delle volte il carnefice vive sotto lo stesso tetto. L’emergenza covid  ha aggravato maggiormente la problematica della violenza sulle donne che vivono con partner violenti, costrette dentro alle mura domestiche in questa fase, accentuando  un maggiore isolamento e conseguente impossibilità di chiedere aiuto. In virtù anche di quest’aspetto,  la commissione chiede  di rafforzare tutti i canali di comunicazione possibili , ed io in particolare  ho sollecitato il Ministro affinchè  venga apposta la firma sul decreto del Presidente del Consiglio  in merito all’obbligo dell’esposizione della cartellonistica del numero gratuito 1522 antiviolenza e stalking nei locali”.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *