Frosinone, Piacentini: sul consiglio polemiche strumentali

COMUNE FROSINONE

“L’ultima seduta di consiglio comunale è stata convocata in data 23 aprile, con la prima convocazione  fissata a martedì 14 maggio alle ore 8 e la seconda fissata a mercoledì 15 maggio alle ore 18.30  – ha dichiarato il presidente dell’assise civica, Adriano Piacentini – Nell’ordine del giorno, era presente anche la discussione sul rendiconto di bilancio – documento di importanza vitale per il funzionamento della macchina amministrativa – nel pieno rispetto della tempistica prevista dagli obblighi di legge. La procedura seguita, dunque, è stata ispirata sempre alla correttezza e alla opportunità istituzionale. A proposito di opportunità istituzionale, nel pomeriggio di lunedì, è giunta l’ufficialità della visita di Matteo Salvini, vicepresidente del consiglio e ministro dell’Interno, nel nostro territorio: per poter permettere ai rappresentanti del Comune di Frosinone di accogliere l’autorità in visita, è stato richiesto ai consiglieri comunali se fosse possibile posticipare di un’ora la seconda convocazione del consiglio nel pomeriggio, quindi, di mercoledì 15 maggio. Due consiglieri di minoranza, però, ci hanno risposto di non poter avallare tale proposta, a causa di impegni precedentemente assunti. Si apriva, così, la possibilità che i rappresentanti del capoluogo mancassero a un appuntamento con un’importante carica istituzionale alla quale esprimere, peraltro, le esigenze e le aspettative del territorio, oppure che la discussione riguardante un pilastro della macchina amministrativa, qual è il rendiconto, slittasse. Ciò non è avvenuto perché il consiglio si è regolarmente riunito in prima convocazione, nell’orario e nella data indicati, peraltro, nella comunicazione giunta ai consiglieri il 23 aprile. Il pieno rispetto delle regole, quindi, non dovrebbe essere qualcosa contro cui polemizzare: l’approvazione del rendiconto 2018 in prima convocazione, invece, dimostra ancora una volta la solidità della maggioranza”.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *