Frosinone – Medici di Famiglia per l’Ambiente, un biodigestore vicino casa

medici...

La presenza di un biodigestore per il trattamento di rifiuti nei pressi di una città  rappresenta una criticità notevole. Non è un caso che quando si profila una tale evenienza gli abitanti si ribellino, innalzino proteste, creino comitati di lotta, si attivino e ricerchino qualsiasi modalità  pur di scongiurare una siffatta iattura. Perché di iattura trattasi.  E’ cronaca frequente che coloro che hanno la sventura di risiedere nelle vicinanze di un biodigestore, manifestano, protestano e si  lamentano  per le malattie, per le puzze insopportabili, per i miasmi irrespirabili, per le contaminazioni biologiche, per le strade intasate da camion carichi di immondizia in andirivieni continuo, per la perdita di valore degli immobili. Incendi, esplosioni, sversamenti contaminanti, inalazioni di gas tossici ed esalazioni massive di composti odorigeni sembrano poi verificarsi con relativa frequenza in prossimità dei biodigestori. Si riporta un elenco, a titolo indicativo, di alcuni degli incidenti occorsi in questi ultimi anni in Italia in prossimità di biodigestori:
PORDENONE – SESTO AL REGHENA – 22/4/ 2018 – SVERSAMENTO (TUBO ROTTO : LIQUAMI SPARSI) ASTI – COCCONATO 28/12/15 INCENDIO AREZZO – SUBBIANO 27/2/2013 – SVERSAMENTI (CHIUSA A LUGLIO) UDINE -PERTEGADA 29/6/2013 INCENDIO SIENA –IMPIANTO SERRE 23/7/2013 ESALAZIONI – SIGILLI NOE LODI – CERVIGNANO D’ADDA 2/9/2013 SVERSAMENTO LODI-BREMBIO 28/9/2013 – ESPLOSIONE–SVERSAMENTO LECCE – GALATONE – 25/7/2013- SEQUESTRO IMPIANTO DAL CORPO FORESTALE-ESALAZIONI IRREGOLARI UDINE – FLAIBANO 7/11/2014 ESPLOSIONE BOLOGNA – BUDRIO 20/10/2014- SVERSAMENTO MACERATA – CORRIDONIA – 22/5/2014 – SVERSAMENTO LODI – SAN FIORANO – 14/2/2014 – SVERSAMENTO UDINE – CICONICCO DI FAGAGNA – 11/2/2014 – SVERSAMENTO MACERATA-LORO PICENO 14/3/2013 – SVERSAMENTO MACERATA – CIVITANOVA MARCHE – 8/8/2013 SVERSAMENTO ROVIGO – LENDINARA – 2/5/2013 – ESPLOSIONE PADOVA – TREBALESEGHE -12/3/2013 – 50 MUCCHE MORTE PER BOTULINO – CONTAMINAZIONE PASCOLO BOLOGNA – FINALE EMILIA 29/6/2013 – ESPLOSIONE ROVIGO – BAGNOLO PO – 22/8/2013-ESPLOSIONE CUNEO – FOSSANO -23/8/2013 – SVERSAMENTO MANTOVA – ROVERBELLA 22/8/2013 – SVERSAMENTO CREMONA – TRESCORE CREMONESE 17/6/2013 – SVERSAMENTO BRESCIA – CHIARI – 11/5/2020 – ESPLOSIONE BRESCIA – LONATO – 6/6/2013 – SVERSAMENTO CHIETI – LANCIANO – 18/11/2016 – SVERSAMENTO BRESCIA – GOTTOLENGO- 26/3/2014 – SVERSAMENTO LODI – S. STEFANO LODIGIANO – 9/3/2014 –SVERSAMENTO ROMA- CERVETERI 10/12/2013 – ESPLOSIONE-CROLLO CUPOLA MACERATA – MATELICA – 28/10/2013 – SVERSAMENTO SALERNO – SARNO -18/5/2013 – ESALAZIONI SIENA – RAPOLANO TERME – 27/3/2013 – SVERSAMENTO LECCE – POGGIARDO- 1/10/2014 – ESALAZIONI
In Germania negli anni dal 2010 al 2016,  presso gli impianti di biodigestione, segnalati 134 incidenti importanti.  I biodigestori  riconoscono tutti lo stesso processo di fermentazione con formazione di biogas e digestato. Tutto ciò a significare un insito rischio proprio dei biodigestori. Nonostante le migliori e più avanzate  tecnologie messe in campo, gli eventi avversi, ad ogni latitudine, sembrano incomprimibili.
Comunicato stampa a firma del Dott.Giovambattista Martino – coordinatore Associazione Medici di Famiglia per l’Ambiente

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *