Frosinone – Daniele Riggi (consigliere indipendente): “Coinvolgere anche la cittadinanza nella redazione dei nuovi strumenti di pianificazione della mobilità cittadina”

daniele riggi fr

Nei prossimi anni, con molta probabilità, ci sarà un radicale rinnovamento della mobilità urbana e interurbana nella città di Frosinone: nuovo gestore del trasporto pubblico locale; nuove isole pedonali e ZTL; realizzazione di nuove rotatorie e dell’ultimo tratto della ex “Monti Lepini”; nuove piste ciclabili; progetto della metropolitana di superficie; fermata TAV – Frecciarossa. Le sopraccitate novità, se inquadrate in un progetto organico, potenzialmente, possono trasformarsi in una nuova rete di mobilità urbana per il comune capoluogo, che può avere riflessi importanti anche in prospettiva intercomunale e provinciale. Contestualmente a queste novità, si è presentata l’opportunità di tornare a discutere di due strumenti importanti per la mobilità cittadina: il PUMS, piano urbano della mobilità sostenibile, e il PUT, piano urbano del traffico. Questi strumenti sono già stati oggetto di discussione nel corso di una importante riunione tecnica, che si è tenuta lo scorso febbraio, a cui ho partecipato, in qualità di membro della commissione consiliare “polizia locale, personale, protezione civile, sicurezza urbana e centro storico”. A quella riunione sarebbero dovute seguire altre riunioni tecniche, con lo scopo di completare e perfezionare la redazione delle linee di indirizzo del PUMS e l’aggiornamento del PUT, prima dell’approvazione di questi strumenti in Consiglio comunale. Purtroppo, l’arrivo dell’emergenza coronavirus ha, inevitabilmente, interrotto questo percorso, che avrebbe potuto avere esiti positivi già in estate. Suggerisco all’Amministrazione Ottaviani di riprendere il prima possibile il percorso interrotto, e di coinvolgere nella redazione di questi importanti strumenti di pianificazione della mobilità urbana, non solo i tecnici comunali, ma anche le organizzazioni politiche, i comitati di quartiere e le associazioni interessate al tema della mobilità, avviando così un percorso di rinnovamento della mobilità urbana che sia il più partecipato e condiviso possibile. Coinvolgere anche i soggetti politici e la società civile è importante, perché non bisogna dimenticare che questi strumenti di pianificazione, per essere pienamente efficaci e commisurati alle esigenze dei cittadini necessitano, soprattutto, di scelte di indirizzo politico, oltre a quelle di matrice tecnica. Le conoscenze maturate nel corso degli anni dalle organizzazioni politiche, dalle associazioni e dai comitati di quartiere sulle problematiche della mobilità cittadina possono essere una fonte di informazioni preziosa, che amplia e completa le informazioni già in possesso degli uffici tecnici comunali. Spero, dunque, che l’Amministrazione Ottaviani non sottovaluti l’importanza di avviare un percorso di confronto e condivisione con le forze politiche e con la cittadinanza su un tema così importante, come quello della mobilità urbana, in una fase storica in cui si stanno presentando nuove importanti opportunità per la nostra città.
Daniele Riggi, consigliere comunale di Frosinone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *