Frosinone: attivata la rateizzazione dei tributi comunali

COMUNE FROSINONE

È disponibile sul sito istituzionale del Comune di Frosinone, all’indirizzo https://frosinone.soluzionipa.it/openweb/albo/albo_dettagli.php?id=41631&CSRF=9ece24cad09d35b5b421a33593e4f94f, il regolamento, approvato dal consiglio comunale, relativo alla rateizzazione delle entrate tributarie ed extratributarie derivanti da attività di verifica, con aumento di dilazione della rateizzazione.
“I comuni italiani – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – anche quelli, come il nostro, sottoposti a piano di risanamento decennale del debito, stanno cercando di venire incontro alle esigenze della popolazione, anche a costo di gravarsi di ulteriori anticipazioni di cassa, rispetto alle obbligazioni generali assunte, mettendo a disposizione il prezioso strumento della rateizzazione”.
“L’amministrazione Ottaviani – ha dichiarato l’assessore al bilancio e alle finanze, Riccardo Mastrangeli – visto il perdurare della difficile situazione economica nazionale e locale, con un incremento delle difficoltà dei soggetti destinatari di atti impositivi ad assolvere l’onere tributario e delle novità normative introdotte dalla Legge 27 dicembre 2019, ha ritenuto necessario modificare il regolamento al fine anche di agevolare l’adempimento spontaneo da parte dei contribuenti, stanti le criticità della congiuntura economica attuale”.
Composto da 8 articoli, il testo prevede che in caso di ricevimento di uno o più avvisi di accertamento o di successivi provvedimenti ad esso collegati, il contribuente che si trovi in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, accettando la pretesa tributaria o patrimoniale, può richiederne al Comune ovvero al Soggetto incaricato del servizio di riscossione, il pagamento dilazionato dietro presentazione di apposita istanza.
Ai fini della valutazione della situazione di obiettiva difficoltà, per le persone fisiche ed i titolari di ditte individuali in regimi fiscali semplificati viene considerato l’I.S.E.E. relativo al proprio nucleo familiare; è, altresì, possibile prendere in considerazione ulteriore documentazione attestante particolari situazioni (ad esempio, cessazione del rapporto di lavoro).  Per le altre tipologie di contribuenti, la valutazione viene effettuata su copia della dichiarazione dei redditi o dell’ultimo bilancio approvato e depositato e sulla visura camerale aggiornata. La rateizzazione del debito sarà effettuata in un numero di rate mensili dipendenti dall’entità della somma totale di cui il contribuente chiede la rateazione. Per i
contribuenti persone fisiche e per i titolari di ditte individuali si prevede, da euro 100,01 a euro 500, fino a quattro rate mensili; da euro 500,01 a euro 3.000, da cinque a dodici rate mensili; da euro 3.000,01 a euro 6.000, da tredici a ventiquattro rate mensili; oltre euro 6.000,01, da venticinque a trentasei rate mensili.

II contribuente che, trovandosi nelle condizioni previste dal presente regolamento, intenda avvalersi della possibilità di rateizzazione, deve inoltrare specifica e motivata domanda al Servizio Tributi dell’Ente (piazza VI dicembre; responsabile, il dott. Mauro Turriziani, mauro.turriziani@comune.frosinone.it; 0775/2656635), per gli atti emessi dal Comune titolare del tributo, o al Concessionario incaricato della riscossione, per gli atti emessi da quest’ultimo, utilizzando la modulistica predisposta dall’ufficio competente. La richiesta
dovrà contenere l’indicazione espressa della richiesta di rateizzazione; l’esatta indicazione degli estremi del/dei provvedimento/i da cui scaturisce il debito tributario; la dettagliata motivazione per la quale si chiede la rateizzazione del debito. Alla stessa dovrà essere allegata dichiarazione I.S.E.E. relativa all’ultimo anno d’imposta utile o copia della dichiarazione dei redditi, ovvero dell’ultimo bilancio approvato e depositato presso l’ufficio del registro delle imprese e copia della visura camerale aggiornata e ogni altra documentazione idonea a consentire la verifica del possesso dei requisiti.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *