Formia, “Retini alla deriva” e costituzione di parte civile: essere a fianco ed essere il fianco

retini (1)
E’ di questi giorni la notizia della prima udienza davanti al Tribunale di Cassino per l’operazione condotta dalla Guardia Costiera di Gaeta denominata “Retini alla deriva” avvenuta nel Golfo di Gaeta e che vede imputate diciotto persone.
I reati contestati dalla Procura di Cassino, se accertati, dimostrerebbero, “l’avvenuta significativa compromissione di un ampio specchio acqueo del Golfo di Gaeta che la Regione nel 2010 ha definito Area Sensibile di rilevanza comunitaria, con grave danno all’ambiente, al territorio e all’intera collettività formiana”.
La vicenda risale al 2017 quando furono trovati ingenti quantità di retini di plastica sia sull’arenile  sia e soprattutto sui fondali del tratto di mare antistante la costa di ponente del Comune di Formia
Retini, di fatto, abbandonati e scaricati illecitamente in mare dopo la raccolta delle cozze da parte dei concessionari degli allevamenti di mitili.
Tale smaltimento irregolare di rifiuti, avvenuto nei fondali del Golfo di Gaeta, è stato oggetto della deliberazione di Giunta Comunale n. 103 del 26 marzo 2019 con cui l’amministrazione Villa decise di costituirsi come parte civile nel procedimento, cercando anche di coinvolgere, nella difesa del Golfo, gli altri comuni limitrofi, in particolare il comune di Gaeta, coinvolgimento rimasto inevaso e senza alcun esito.
La salvaguardia della comunità, in tutte le sue espressioni di sicurezza e rispetto ambientale, resta un dettame imprescindibile per ogni amministratore ed è per tale espressione valoriale che si accoglie con soddisfazione l’avvio del procedimento in esame; non da meno è la ferma convinzione e certezza che la vicenda possa concludersi in tempi brevi.
“La promozione dell’ azione di  costituzione di parte civile da parte dell’amministrazione è stato un segnale notevole e fondamentale perché finalizzato al benessere della collettività e alla difesa di un diritto di salute ambientale.
Essere a fianco e il fianco delle associazioni e dei  cittadini nella tutela dei beni comuni e collettivi da preservare e garantire, sia sotto il profilo della sostenibilità ambientale sia come fonte di sviluppo dei nostri territori, è affermazione del diritto e dei diritti” ha commentato la notizia l’ex sindaco Paola Villa.
Comunicato stampa Movimento Un’Altra Città, Movimento 5 stelle Formia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *