Formia, l’abbandono dei rifiuti e gli incendi nelle zone boschive sono un problema con l’arrivo dell’estate

montagne in fiamme
Durante il periodo amministrativo del Sindaco Paola Villa, sono stati organizzati incontri con la comunità che vive la montagna: pastori, titolari di aziende agricole e strutture ricettive, associazioni di categoria e ambientaliste, Enti locali e Forze dell’Ordine.
Da tali incontri oltre ad emergere l’importanza per la tutela è emersa la forte volontà da parte di tutti gli attori coinvolti di essere soggetti attivi e propositivi per il bene della montagna.
La Giunta Villa, ha ascoltato e fatto proprie tutte le richieste, tra queste la necessità di migliorare la viabilità rurale e forestale, che consentisse un’adeguata accessibilità agli allevatori e ai mezzi di soccorso antincendio su via Filetto sul monte Redentore. Proprio per questa esigenza ha predisposto la progettazione definitiva per sistemare la viabilità rurale, partecipando a un bando del Gruppo d’Azione Locale (GAL) e ottenendo il finanziamento di 179.060,29 euro. I lavori dovrebbero iniziare a breve.
Mentre sul fronte dell’emergenza incendi e sull’abbandono di rifiuti nel 2020, si è elaborato un progetto denominato “Sistema integrato di sicurezza dei Monti Aurunci nel Comune di Formia” dove si sono impegnati insieme ‘Amministrazione Comunale, la XVII^ Comunità Montana “Monti Aurunci”, Protezione Civile di Formia (Associazione Volontari Emergenza Radio Sud Pontino – VER), il Circolo Verde Azzurro Sud Pontino di Legambiente, l’Ente Parco Naturale Monti Aurunci e l’Istituto Istruzione Superiore E. Fermi – G.Filangieri di Formia.
Tale progetto in sinergia prevede la messa in opera di una centrale intelligente di video rilevamento con telecamere ad infrarossi in grado di pattugliare 24 ore su 24 buona parte del territorio boschivo di Formia.
Inoltre, il sistema prevede telecamere fisse nei varchi di accesso alle località montane e da video trappole mobili in grado di rilevare azioni di innesco di incendi e abbandono di rifiuti.
Il progetto realizzato nel 2020 dall’amministrazione Villa ha partecipato a un bando della Regione Lazio classificandosi al primo posto, ottenendo un finanziamento di 40.000,00 euro, con la concreta possibilità di attivare il sistema di sorveglianza per l’estate 2021.
Terminata l’esperienza amministrativa, è calato il silenzio su queste tematiche di tutela, controllo e prevenzione dei nostri boschi, affrontate e condivise con le realtà locali.
Si invitano gli uffici preposti e il Commissario Prefettizio a continuare sulla strada già tracciata con la comunità locale e a porre la massima attenzione sulla salvaguardia dei boschi.
Questo è stato ed è ancora uno dei temi importanti da mettere al centro della futura azione amministrativa, soprattutto concentrando risorse finanziarie e sforzi per piani di prevenzione e sostegno alle attività delle zone montane della città di Formia.
MOVIMENTO POLITICO UN’ALTRA CITTÀ

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *