Ecco i due trucchi per mantenere giovane il cervello

cervello ok

Un team di specialisti dell’Università statale russa Immanuel Kant insieme a quelli della Warwick University del Regno Unito hanno scoperto due modi per frenare l’invecchiamento cerebrale: conducendo uno stile di vita attivo e riducendo il numero di calorie ingerite. Secondo lo studio, infatti, questi due fattori sono in grado di rallentare l’invecchiamento del cervello. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Frontiers in Cellular Neuroscience.
L’indagine, che si è concentrata sui neuroni, sulle sinapsi e sulle cellule gliali, ha concluso che quando una persona acquisisce esperienza, le sinapsi cambiano: o si rafforzano o si indeboliscono. «Il processo di rafforzamento o indebolimento delle connessioni sinaptiche può essere regolato dalle cosiddette cellule gliali», spiega il ricercatore Alexánder Bogdanov, sottolineando che queste cellule «forniscono energia ai neuroni e regolano la trasmissione sinaptica. Tutti questi processi influenzano direttamente le funzioni cognitive del cervello», ha continuato l’esperto.
I ricercatori hanno condotto una serie di esperimenti su due gruppi di topi, al primo è stato proposto uno stile di vita molto attivo con l’ausilio di giocattoli, tunnel, una ruota corrente e molto spazio, mentre al secondo è stato proposto una dieta con poche calorie.
«Abbiamo scoperto che nei vecchi topi la segnalazione sinaptica migliorava e la segnalazione del calcio nelle cellule gliali era più attiva» ha afferma Bogdanov. «Di conseguenza, la capacità delle cellule gliali dei topi che vivono in un ambiente stimolante mantengono un alto livello di capacità cognitive. A livello di sinapsi, il cervello sembra più giovane rispetto al cervello di altri topi che non hanno uno stile di vita attivo e un’alimentazione moderata».
Ora l’obiettivo dei ricercatori è quello di individuare dei farmaci per combattere l’invecchiamento del cervello, soprattutto per coloro che non possono svolgere attività fisica o avere difficoltà con la dieta.

 

foto e fonte ilmattino.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *