Con smog e polveri sottili bambini a rischio asma

bambino asma

Inquinamento e polveri sottili possono favorire l’insorgenza di asma e dispnea (un problema respiratorio temporaneo o cronico) nei bambini. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista British Medical Journal e condotto da Torben Sigsgaard, dell’Università di Aarhus in Danimarca.
Gli esperti hanno osservato per molti anni un campione di oltre 3 milioni di bambini nati tra 1997 e 2014 e registrato tutte le diagnosi di asma e dispnea persistente eseguite dalle età di 1 anno fino a 15 anni.
Nel corso del periodo di osservazione sono stati segnalati in tutto 122.842 bambini con asma o dispnea. Gli esperti hanno analizzato i livelli di inquinamento nelle rispettive zone di residenza. Inoltre hanno tenuto conto di tutti i fattori di rischio noti per asma e dispnea (ad esempio il fumo di sigaretta da parte della mamma in gravidanza, un basso livello di istruzione dei genitori e presenza di asma in famiglia).
Ebbene, è emerso che pur considerando tutti i fattori di rischio noti, asma e dispnea vengono diagnosticati più di frequente tra i bambini che vivono in aree molto inquinate, specie per presenza di polveri sottili (il particolato fine di diametro di 2,5 nanometri o inferiori). Secondo gli esperti questo studio indica che se si adottassero politiche di riduzione degli inquinanti ambientali, si riuscirebbe a ridurre la frequenza di nuovi casi di asma in età pediatrica.

foto e fonte ansa.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *