Codici: favorevoli al progetto Frosinone Grande Capoluogo

Florenzani Og

“Ho espresso sempre un’opinione favorevole ad una grande città capoluogo che unisca tutti i territori limitrofi. Il problema di rappresentanza di un ente con una popolazione inferiore ai 50000 abitanti esiste e certamente potrebbe rappresentare una ragion di stato maggiore rispetto al comune desiderio di rappresentanza locale. Questo progetto di grande Comune però – sostiene Florenzani – non può essere deciso in stanze anonime ma, a mio parere, dovrebbero essere i cittadini con consultazioni popolari a decidere se rinunciare al proprio status di ente territoriale per entrare a far parte di un progetto più grande mettendo in conto però il rischio di dover pagare tributi superiori o avere servizi inferiori ma con un obiettivo a lungo termine di realizzare magari una struttura ospedaliera degna di questo nome (per esempio). Il progetto messo in campo di cui si discute in questi giorni sembra tutt’altra cosa e francamente mi lascia qualche perplessità. A cosa serve esattamente l’ennesima Unione dei Comuni – sottolinea Florenzani – considerato che a livello di rappresentanza Il capoluogo resterebbe comunque una città sotto i 50000 abitanti? Chi ha deciso la ripartizione dei servizi di questa costituenda Unione dei Comuni e perché un Amministratore dovrebbe decidere di far gestire servizi importanti per i propri cittadini da soggetti terzi senza nemmeno una previa valutazione ed una discussione? La risposta a tali quesiti è fondamentale e di sicuro c’è che fino ad oggi le Unioni di Comuni non hanno rappresentanti grandi esperimenti amministrativi. La storia recente ci offre esempi di poltronifici che si sono rotti appena una dirigenza non votata andava contro il volere politico di un’amministrazione regolarmente eletta. Io credo che un’altra Unione dei Comuni non occorra, ragioniamo invece per davvero sulla sfida di un Grande Capoluogo”.Questa la nota del Segretario Provinciale Codici Frosinone Avv. Giammarco Florenzani.
COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *