Codici: assembramenti pericolosi ai supermercati, chiediamo il ripristino nel Lazio dei precedenti orari di apertura

Codici-logo

Con una lettera indirizzata al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, l’associazione Codici ha voluto dare voce e peso alle numerose segnalazioni che sta ricevendo dai cittadini in merito agli assembramenti ed all’impossibilità di rispettare le distanze di sicurezza all’entrata e all’interno di supermercati, ipermercati e discount alimentari.“Negli ultimi giorni – dichiara l’avvocato Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – abbiamo rilevato un aumento delle segnalazioni, soprattutto a Roma. In particolare i cittadini, oltre a lamentare il disagio per le lunghe file all’ingresso, denunciano l’impossibilità di mantenere le distanze di sicurezza dettate dall’attuale normativa di urgenza per far fronte alla diffusione del Covid-19. Riteniamo che queste situazioni siano accentuate anche e soprattutto dalle limitazioni degli orari dettate dall’ordinanza del 17 marzo scorso, con cui è stata disposta l’apertura per le attività commerciali la domenica e nei giorni festivi solo dalle 8:30 alle 15. Queste limitazioni stanno sortendo l’effetto contrario di quanto prefissato e indicato anche nelle premesse della ordinanza stessa: i cittadini, dovendo far fronte alle esigenze alimentari, si trovano infatti costretti ad usufruire di minori fasce orarie con conseguenti fenomeni di assembramento e sovraffollamento. Per queste ragioni – conclude il Segretario Nazionale di Codici – abbiamo chiesto il ripristino dei precedenti orari di apertura, valutando anche l’ipotesi di un ampliamento per consentire una maggiore diluizione di avventori in più fasce temporali, evitando così pericolosi assembramenti”.

comunicato stampa

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *