Ceccano (FR) – Covid, “ilCoraggiodiCambiare”: il sindaco non coinvolge le minoranze su nessuna decisione

Panoramica Ceccano

Il Sindaco Roberto Caligiore ha informato la cittadinanza di aver convocato, nella giornata del 20 ottobre, una riunione organizzativa del Centro Operativo Comunale. Poche le informazioni relative ad un piano di provvedimenti per fronteggiare l’emergenza sanitaria nel nostro territorio comunale. Inesistente l’informativa relativa all’esito della riunione. Unico provvedimento, di cui ha informato la cittadinanza giovedì alle 12, è stata l’ordinanza di sospensione della didattica in presenza per tutte le scuole di ogni ordine e grado sul territorio di Ceccano. Una doccia fredda per molti studenti e famiglie. Ceccano, ad oggi, è l’unica città della provincia con tutte le scuole chiuse. Permetteteci qualche perplessità.
Una decisione che non condividiamo, ma di cui prendiamo atto, che secondo noi trascura le dinamiche territoriali del nostro comune, in quanto riteniamo gli istituti scolastici luoghi sicuri, in cui le probabilità di contagio sono minime. Sollecitiamo, invece,  la maggioranza, ad intervenire al fine di migliorare la sicurezza fuori dalle scuole, nei mezzi pubblici e nei luoghi pubblici dove l’occasione di contagio risulta essere più elevata.
Tale provvedimento coinvolge anche scuole che non hanno avuto alcun caso di positività e chiediamo, dunque, al Sindaco quali motivi lo abbiano spinto ad emanarlo. Ci sembra riduttiva la motivazione espressa, che fa riferimento ai problemi organizzativi della Asl, convinti che se così fosse anche altri sindaci avrebbero agito allo stesso modo.
E poi, ha programmato interventi mirati a sostegno di studenti e famiglie? Si farà carico il comune delle rette delle scuole private o di eventuali spese per baby sitter? Come pensa Caligiore di far fronte alle problematiche che già stanno emergendo per la didattica a distanza? Un pensiero particolare ai ragazzi diversamente abili e agli educatori che non potranno assisterli. Sono stati ascoltati anche questi ultimi, attraverso il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali?
E chi non ha mezzi tecnologici per seguire le lezioni online, o chi non ha un accesso alla rete internet adeguato? Prima di chiudere le scuole il Sindaco ha valutato questi aspetti, coinvolgendo i dirigenti scolastici, anche quelli di plessi dove non risultano contagi?
Ci auguriamo, almeno, che in questo periodo si lavori per sanificare tutti gli istituti.
Denunciamo, inoltre, l’assoluta mancanza di dialogo con la minoranza. A tal proposito abbiamo proposto la convocazione di un consiglio comunale d’urgenza per l’istituzione di una commissione consiliare straordinaria, che affianchi il lavoro del sindaco e dei tecnici nella gestione dell’emergenza. È doveroso fornire risposte ai tanti interrogativi che agitano la cittadinanza in queste ore. Fondamentale coinvolgere la minoranza, in grado di fornire un contributo importante su decisioni riguardanti misure di prevenzione del contagio e il bene dell’intera comunità.
Coordinamento “ilCoraggiodiCambiare”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *