Cassino (FR) – Controllo del territorio: ecco i risultati

carabinieri-notte2

In occasione del primo week-end di agosto, la Compagnia Carabinieri di Cassino, sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Frosinone, proseguendo nelle incessanti attività di controllo legate al fine settimana, predisponeva un servizio coordinato nell’ambito della giurisdizione con l’impiego di diverse pattuglie, al fine di attuare una più incisiva ed efficace azione preventiva e repressiva nel contrasto ai reati in genere.

In particolare, al termine dell’attività, venivano conseguiti i seguenti risultati:

.in Piedimonte San Germano, i militari della locale Stazione Carabinieri segnalavano alla Prefettura di Frosinone una 48enne del posto (già censita per reati in materia di stupefacenti), quale assuntrice di sostanze stupefacenti. Nel corso di un controllo alla circolazione stradale, gli operanti insospettiti dall’atteggiamento assunto dalla donna, procedevano all’ispezione dell’autovettura in suo uso, rinvenendo nella disponibilità della stessa una dose di cocaina del peso di grammi 0,3 circa, sottoposta a sequestro.

Sempre a Piedimonte San Germano, i militari della locale Stazione inoltre, al termine di attività info-investigativa posta in essere a seguito del furto di un’autovettura commesso nel citato comune in data 29 settembre 2017, per il quale il proprietario 51enne, originario della provincia di Bergamo, aveva presentato denuncia presso quel Comando Arma, deferivano in stato di libertà un 48enne di Napoli (già censito per reati contro il patrimonio e resistenza a P.U.), perché responsabile di “ricettazione”.

Gli operanti riuscivano ad identificare il prevenuto, accertando che lo stesso aveva in uso due SIM card, a lui intestate, unitamente ad un telefono cellulare marca HUAWEI risultato oggetto di furto patito dalla vittima unitamente all’auto;

.in Cassino, i militari della locale Compagnia Carabinieri, unitamente alla Polizia locale, ponevano in essere verifiche circa l’osservanza dell’occupazione della sede stradale, procedendo al controllo di 7 esercizi pubblici del centro. Nei confronti dei titolari, veniva contestata l’ammenda di cui all’art. 20 del Codice della Strada, riguardante l’occupazione dei marciapiedi con tavoli e sedie, senza la prescritta autorizzazione. Nel complesso si procedeva ad elevare un’ammenda di 173 euro per ciascun locale, per un totale di 1.211 euro;

.in Acquafondata, il personale della locale Stazione Carabinieri intercettava un’autovettura Fiat nei pressi di abitazioni isolate, con a bordo due uomini, identificati in un 67enne, ambulante, originario del milanese ed un 60enne, disoccupato, di Napoli (il primo dei quali censito per reati contro il patrimonio e la persona), senza che gli stessi fossero in grado di fornire una valida giustificazione in merito alla loro presenza in loco. Ricorrendone i presupposti di legge, i due venivano proposti per l’irrogazione della misura di prevenzione del F.V.O. con divieto di ritorno nel comune di Acquafondata, per un periodo di anni 3.

Durante il medesimo servizio si procedeva altresì a svolgere:

–  nr. 64 identificazioni di persone;

–     nr. 52 controlli a veicoli;

–     nr. 10 controlli a persone sottoposte agli arresti domiciliari;

–     nr. 8 contravvenzioni al C.d.S.;

–     nr. 6 perquisizioni personali, veicolari e locali.

 COMUNICATO STAMPA – FOTO ARCHIVIO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *