Arpino (FR) – Nella città della cultura l’ufficio cultura chiuso per ferie

ARPINO - COMUNE

”E’ inutile suonare qui non vi aprirà nessuno” cantava Adriano Celentano.

Il brano deve essere venuto in mente al consigliere comunale Rachele Martino che stamane si è recata in Municipio per cercare di dare uno sguardo all’oggetto misterioso, cioè al cosiddetto ‘dossier’ della candidatura del Comune di Arpino a capitale italiana della cultura. L’esponente della minoranza ha bussato più volte alla porta dell’ufficio cultura senza tuttavia ricevere risposta. Ha chiesto in giro come mai in orario di apertura l’ufficio fosse chiuso ed a quanto pare qualcuno le ha detto che era chiuso per ferie.

Sottolineato che tutti hanno diritto alle ferie, sorprende il fatto che un servizio pubblico sia chiuso, peraltro senza nemmeno uno straccio di avviso. Non c’era un vice oppure un sostituto, insomma qualcuno che potesse quantomeno fornire banali informazioni? Come è possibile che nella città della cultura l’ufficio cultura sia chiuso, per giunta ad agosto che è il mese tradizionalmente più importante per il paese?

In attesa di risposte che al 99,9% non arriveranno, la missione della Martino non è andata a buon fine. Nessuno è stato in grado di metterle davanti per una rapida consultazione il ‘dossier’ della candidatura. E così non solo i cittadini (all’albo le carte non ci sono) ma nemmeno i rappresentanti dei cittadini possono conoscere documenti che riguardano il paese e quindi loro stessi.

No, il dossier non è disponibile, è chiuso in qualche cassetto a seguito di ‘secretazione politica’, addirittura pare che nemmeno agli atti sia stato allegato, cioè non si trova insieme alla relativa delibera pubblicato senza allegato. Alla faccia della trasparenza!
Ps. La legge è rispettata?
*Lu*

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *