Arpino (FR) – Nella città della cultura il ‘Libro di Pietra’ nel degrado

LIBRO PIETRA DEGRADO

《Le pagine del Libro di Pietra, poesie di autori internazionali impresse su lastre di travertino, sono letteralmente abbandonate. In Comune dovrebbero arrossire per la vergogna》. L’indignazione, più che giustificata davanti a desolanti immagini, è dei cittadini che ormai ogni giorno assistono all’indecoroso stato indecoroso in cui versano angoli caratteristici del paese adornati dall’iniziativa ideata, voluta e realizzata dal senatore Struffi e dal compianto Bonaviri. Arredi semidistrutti, cestini dei rifiuti stracolmi, sterpaglie, sporcizia fanno da contorno ai “monumenti” realizzati nel nome della Cultura nella città della cultura, quasi che la poesia non fosse Cultura, o peggio che esistano poesie di serie A e poesie di serie B. L’indecente stato dei luoghi cui si assiste inermi da tempo, mal si concilia con le recenti affermazioni del sindaco Rea circa l’asserito impegno per promuovere la città (dopo sei anni!!!). Purtroppo la realtà è ben diversa. Alle parole non seguono i fatti. Il decadimento generale in cui è piombato il paese non risparmia nemmeno questa iniziativa cui andrebbe riservata maggiore attenzione. Più volte, anche su questo sito di informazione on line, è stata rappresentata la necessità di tutelare e valorizzare questo piccolo patrimonio. C’è da augurarsi che l’ennesimo richiamo dei cittadini provochi uno scossone, un sussulto di orgoglio in chi oggi riveste ruoli di governo. Ed anche in chi si ostina a vedere tutte rose e fiori, quando purtroppo prevalgono le spine. E così un gruppetto di ragazzini disbosca e pulisce il campetto di San Sosio, a spese dei genitori; un nonno ed i suoi nipotini bonifica dai rifiuti il Belvedere; i commercianti lavano e spazzano ampie porzioni di suolo pubblico. 《Che li paghiamo a fare i 147mila euro per lo spazzamento delle strade inseriti nella Tari?》si chiedono i cittadini! Già, come mai il paese è così sporco nonostante la stangata?

Red.
foto: libro di pietra in piazza Conti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *