Aquino festeggia il Santo Patrono Tommaso d’Aquino

San Tommaso d’Aquino

Il culto e la devozione di san Tommaso d’Aquino si espandono non solo in Italia e anche nel mondo, però sono più sentiti nei luoghi della sua terra natale.

Ad Aquino, i solenni festeggiamenti in onore di San Tommaso d’Aquino, patrono della Diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo e della Città di Aquino, hanno avuto inizio il 26 febbraio con la novena in preparazione alla festa. Il primo giorno si è tenuta l’ostensione della sua reliquia, la costola del cuore, venerata nella Basilica Concattedrale.

Venerdì 4 marzo, in Basilica, si terrà l’adorazione eucaristica per la pace in Ucraina dalle 9.30 alle 16.00, a cui farà seguito un momento di preghiera comunitario dal tema “San Tommaso d’Aquino, cantore dell’Eucarestia”, con la meditazione di alcuni passi della Summa Theologiae, presieduto dai parroci della Città, quindi la Via Crucis e la Santa Messa.

Domenica 6 marzo, vigilia della solennità, in Concattedrale, durante la Santa Messa delle ore 11.00, nella I domenica di Quaresima, si terrà la benedizione degli studenti della Città e alle ore 16.00 la presentazione del libro di Mons. Luigi Casatelli “Montecassino Aquino Sora e Pontecorvo. Quindici secoli di storia.” che sarà distribuito ai presenti. Presenta il prof. Filippo Carcione, modera il viceparroco don Andrea Pantone. Seguirà la benedizione e la presentazione alla comunità del quadro che, da 75 anni, accompagna l’andare degli aquinati a Canneto, restaurato grazie al contributo del Capo compagnia Chiarino Mattia. Segue la Santa Messa vigiliare alle 17.30, al cui termine si terrà l’omaggio floreale alla statua bronzea del Santo Patrono nella piazza principale a lui dedicata e, in piazzetta Conti d’Aquino, l’accensione del falò. Una tradizione fortemente consolidata nella Città di san Tommaso, che interessa anche molte altre realtà circostanti. Un insieme di colori, luci e rumori, che si alternano alla vigilia della grande festa, è il denominatore comune di un’esperienza di fede unica e di devozione impari nei confronti del Dottore Angelico.

Lunedì 7 marzo sarà Mons. Gerardo Antonazzo, vescovo diocesano, a presiedere il solenne pontificale delle 17.30 in Concattedrale che sarà concelebrato dai sacerdoti della zona pastorale e animato liturgicamente della Corale “Sancta Caecilia” di Aquino. Saranno, ovviamente, celebrate altre Sante Messe nella mattinata, alle 7.30 e alle 10.30, e la Basilica sarà aperta ai fedeli tutto il giorno, per la preghiera.

Al termine del Pontificale vespertino, si snoderà per le vie del centro Città la processione aux flambeaux che vedrà la partecipazione di alcuni figuranti dell’Associazione Araldica Contado d’Aquino che, vestiti in abiti medievali, rappresenteranno la famiglia dei d’Aquino.

Al rientro, sul sagrato della Basilica, si assisterà allo spettacolo pirotecnico e, dalla loggia, verrà impartita la benedizione alla Città e alla Diocesi con la venerata reliquia.

Tanti, quindi, gli appuntamenti religiosi, culturali e sociali per godere pienamente delle festività in onore del Sommo Dottore della Chiesa. Proprio come Tommaso: il più santo tra i dotti e il più dotto tra i santi.

COMUNICATO STAMPA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *