Al “Rigenera Bartender Competition” vince il giovane bartender isolano “Massimiliano Mattone” con il suo “D’OIRAN”

mattone massimiliano
Domenica 8 settembre 2019 si è tenuta la “Rigenera Bartender Competition” di Palo del Colle (Bari) organizzata nell’ambito di Rigenera SMart City – Festival delle periferie. Questo Festival ha dato spazio alla miscelazione e la competizione aveva come tema la vita e le opere di Vincent Van Gogh. 16 sono stati i professionisti selezionati provenienti da tutta Italia che si sono sfidati per interpretare al meglio “l’arte del geniale Van Gogh in un bicchiere”. I Cocktail sono stati giudicati dall’editore di Bar Tales e fondatore del Roma Bar Show; Fabio Bacchi (presidente della giuria), dall’esperto e Trainer di miscelazione e Flair Fabio Cellie, dal titolare del Gran Caffè Gambrinus di Gravina in Puglia e mixologist di fama internazionale, oltre che esperto d’arte Tommy Colonna e dal Digital Strategists Alessandro Bruno. All’unanimità i giudici hanno decretato il vincitore della Rigenera Bartender Competition 2019 il giovane bartender isolano “Massimiliano Mattone” con il suo “D’OIRAN”, un Cocktail che si ispira al fascino giapponese dal quale lo stesso Vincent Van Gogh basò molto della sua arte. Il vincitore ha presentato così la sua ricetta ispirata al famoso quadro dal nome “La Cortigiana “ di Vincent Van Gogh: Sake, elisir di bellezza usato della geisha nella cultura giapponese, una bevanda servizievole che dona fluidità ed equilibrio; Birra Infusa al Caffè, un connubio audace come i colori utilizzati dallo stesso Vincent V. Gogh, entrambi prodotti derivati dalla natura si fondono per rievocare emozioni; Maraschino, dona al drink un lieve sentire di ciliegio, i suoi fiori simboleggiano la fugacità della vita, rappresentata da Van Gogh attraverso pennellate veloci; Succo di limone, così come nel quadro il colore giallo dona risalto al soggetto, il limone bilancia i sapori attraverso la sua acidità; Zucchero agli agrumi, grazie agli oli essenziali, il drink acquista un tono tra dolcezza e freschezza; Genger Beer, lo zenzero viene utilizzato nella cultura giapponese per pulire il palato e prepararlo a ricevere i sapori; Vaporizzazione ai petali di Rose, l’arte della seduzione utilizzata dalle geisha attraverso l’olfatto vene rievocata dalla dolce vaporizzazione alle rose; Pasta Frolla al Wasabi, a ricordare le origine del dipinto raffigurato da Eisen sul legno, una crema dolce al wasabi viene spennellata su di un biscotto di pasta frolla. A fare da sfondo alla performance il brano musicale “Liri Falls” eseguito dal violinista Lino Cannavacciuolo, ispiratosi alle cascate del fiume Liri dove si è esibito più voltesempre circondato dall’entusiasmo di un pubblico verso il quale nutre un affetto particolare. Insomma un motivo di grande orgoglio per la città delle cascate!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *